martedì 20 settembre 2016

Comunicato della Consulta di Bioetica di Torino

Comunicato Stampa n. 11/2016
Torino, 20 settembre 2016


Il Senato scredita se stesso organizzando un Simposio che accredita la magia e l’irrazionalità come forme terapeutiche equivalenti alla medicina scientifica!
I rappresentanti delle istituzioni invitate ne prendano le distanze!

Abbiamo appena chiuso la tragedia Stamina, dopo quelle Di Bella, Bonifacio e altre: subito dopo la pessima figura del Fertility Day, le istituzioni continuano a dare un pessimo esempio e il Senato svilisce il proprio Logo in un’iniziativa senza alcuna consistenza scientifica.


Nei giorni scorsi è stato diffuso il programma di un Simposio nazionale che porta il Logo del Senato della Repubblica e che si terrà in un’aula di pertinenza del Senato a Roma il 29 settembre prossimo dalle ore 9 alle ore 14, avente per tema: “Le Medicine Tradizionali, Complementari e Non Convenzionali nel Servizio Sanitario Nazionale per l’uguaglianza dei diritti di salute oltre le esperienze regionalistiche”.
Il Simposio “è a invito” ed è accreditato con 5 crediti per gli ECM (Educazione Continua in Medicina: perciò ha un riconoscimento ufficiale e istituzionale). Sono stati invitati a intervenire pressoché tutte le cariche istituzionali rilevanti, dai ministri della Salute e dell’Istruzione ai presidenti dell’ISS, CSS, CNB e FNOMCeO, per citarne solo alcuni, per un totale di ben ventiquattro istituzioni coinvolte.
Il programma prevede che al termine dei lavori ci sia la “Lettura e sottoscrizione del Documento Finale”.

La filosofia che ispira il Simposio è contenuto nell’incipit della presentazione: «La parola “Medicina” è diversa per ogni cultura e popolo che ne ha tratto beneficio; per cui esistono tanti sistemi di guarigione e cura quante culture esistono nel mondo».
Questo significa dire che ciascun sistema di cura è equivalente all’altro, e che la medicina scientifica non è affatto superiore alla magia nera o ai riti vudù! Siamo sconcertati che una simile affermazione sia propagata sotto il Logo del Senato. Questo consentirà a sciamani, imbonitori e venditori di fumo di poter accreditare le proprie pratiche come uno “dei tanti sistemi di guarigione e cura” in concorrenza con la medicina scientifica presentata come “militarista”! Contro queste fandonie, ribadiamo la superiorità della medicina scientifica basata su rigorosi esperimenti e sulle prove.

Avremmo potuto capire un Simposio teso a studiare la questione in una prospettiva sociologia e antropologica, ma quello organizzato è un attacco aperto alla medicina scientifica che tanto bene ha arrecato all’umanità. Ancora è fresco il doloroso ricordo della giovane donna morta di leucemia a diciotto anni che molto probabilmente avrebbe potuto evitare la dipartita ricorrendo alle nuove terapie scientifiche (su cui cfr. il Comunicato della Sezione di Novi Ligure: http://www.consultadibioetica.org/news/?id=271).

Il Simposio prevede 5 crediti ECM, il che significa che il Ministero riconosce alle relazioni svolte un qualche “valore scientifico”: sarebbe interessante conoscere le domande previste nel questionario e le corrispondenti risposte corrette. Stupisce inoltre che ben ventiquattro rappresentanti delle istituzioni abbiano acconsentito di essere in qualche modo “coinvolti” nell’iniziativa accettando di essere menzionati tra gli “invitati”.

Infine aspettiamo di conoscere l’esito della “Lettura e sottoscrizione del Documento Finale” (con la “D” e “F” maiuscole!), e il contenuto di tale Documento. È gravissimo che il Senato si presti a questo gioco e si offra come palcoscenico per un carosello di sciamani, stregoni e quant’altro coperti sotto l’egida di “Medicina Centrata sulla Persona” (sempre con le maiuscole).

Dopo il cosiddetto "Fertility Day", in un momento storico così delicato e percorso dall’astensionismo e da populismi, ci saremmo aspettati maggiore cautela da parte delle istituzioni soprattutto sui temi della salute. Prendiamo atto che invece di mostrare la debita serietà il Senato preferisce organizzare appuntamenti pseudoscientifici o antiscientifici che assomigliano più a una fiera di paese!

Chiediamo ai ministri e agli altri rappresentanti delle istituzioni di declinare ufficialmente l’invito e prendere pubblicamente le distanze da un simile Simposio.


Maurizio Mori
presidente

Mario Riccio
tesoriere


--
Consulta di Bioetica Onlus
Via Po 18, 10123 Torino
segreteria@consultadibioetica.org
cell. 393 04 51 364
www.consultadibioetica.org

Il Presidente dell'ISS accoglie l'appello del CICAP‏

Ricevo dalla newsletter CICAP e diffondo con piacere.

Ringraziamo il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi che ritiene da accogliere la richiesta fatta ieri dal CICAP, a lui e al Presidente del Senato Pietro Grasso, di non promuovere pratiche antiscientifiche nei luoghi istituzionali.
***

Ecco il comunicato stampa dell’ISS:

Il Presidente dell’ISS Walter Ricciardi, pur nell'assoluto rispetto delle più alte Istituzioni parlamentari, accoglie l’appello alla richiesta fatta dal CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) al Presidente Pietro Grasso di non promuovere pratiche antiscientifiche nei luoghi istituzionali.

L’evidenza e l’efficacia dimostrate attraverso il metodo scientifico e l'interesse dei cittadini devono essere la stella polare che guida le azioni di promozione della salute e dell’offerta pubblica dei servizi sanitari. Non bisogna confondere, infatti, la libertà di cura con i criteri con cui deve essere garantito un equo accesso alle cure per tutti i cittadini e che deve riguardare terapie e metodi di provata efficacia, condivisi dalla comunità scientifica, in modo da evitare sprechi di risorse a danno della collettività.

È evidente che il Parlamento ha il diritto-dovere di discutere e dibattere ogni argomento attenga alla vita dei cittadini, ma sul tema della salute è necessario prestare grande attenzione. La promozione di cure antiscientifiche significa, infatti, fare un’operazione culturale che va in direzione contraria alla costruzione di un sistema sanitario equo e sostenibile.

È anche per questo che tra i compiti del nuovo ISS ci sarà quello di creare strumenti perché si diffondano informazioni validate e basate sulle evidenze scientifiche, in modo da favorire scelte consapevoli nei cittadini soprattutto quando sono più fragili e quindi maggiormente preda di marketing terapeutico.

Vedi anche: http://www.iss.it/pres/?lang=1&id=1684&tipo=1

____________________
Ufficio Stampa - CICAP
Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze
Casella postale 847
35100 Padova
tel. e fax 049-686870
e-mail: ufficiostampa@cicap.org
www.cicap.org
www.queryonline.it
Seguici anche su
Facebook: https://www.facebook.com/cicap.org
Twitter: https://twitter.com/cicap

Sostieni il CICAP con il 5x1000 - C.F. 03414590285 - Informazioni
http://goo.gl/90ZkTR

lunedì 19 settembre 2016

Per una medicina basata sull'evidenza, a tutela dei cittadini‏ (UPD)

Ricevo dalla newsletter CICAP e condivido, sottoscrivendo la richiesta.

Il 29 settembre si terrà a Roma un simposio, organizzato dal senatore Maurizio Romani (non Paolo Romano come precedentemente scritto) che intende favorire l’introduzione nel sistema sanitario nazionale di medicine alternative come omeopatia, ayurveda, chiropratica, osteopatia e medicina antroposofica (http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato191125.pdf).

Come CICAP sosteniamo la necessità di fornire le prove delle proprie affermazioni. Tra le pratiche presenti nel programma del convegno, l’unica ad aver dato chiari risultati sperimentali positivi, pur con alcune limitazioni, è la fitoterapia.

Pur riconoscendo il diritto individuale alla libertà di cura, riteniamo che il sistema sanitario nazionale, finanziato con denaro pubblico, debba garantire esclusivamente le terapie di efficacia dimostrata.

Riteniamo irresponsabile che le più alte istituzioni pubbliche promuovano eventi antiscientifici, proprio nel momento in cui la cronaca riporta diversi casi di persone morte per avere abbandonato cure efficaci in favore di pratiche alternative.

Chiediamo al presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Gualtiero Ricciardi di prendere posizione contro questa pericolosa iniziativa e al presidente del Senato Pietro Grasso di promuovere attività di informazione corretta sulla salute.

Il CICAP è un'associazione scientifica e educativa che promuove un'indagine scientifica e critica nei confronti delle pseudoscienze, del paranormale, dei misteri e dell'insolito. Fondata nel 1989 da Piero Angela e da altre personalità del mondo della scienza e della cultura, tra cui Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Umberto Eco e Tullio Regge, vede oggi tra i suoi componenti Umberto Veronesi, Silvio Garattini, Carlo Rubbia ed Edoardo Boncinelli.

_________________________________________

Ufficio Stampa - CICAP
Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze

Casella postale 847
35100 Padova
tel. e fax 049-686870
e-mail: ufficiostampa@cicap.org
www.cicap.org
www.queryonline.it

Seguici anche su
Facebook: https://www.facebook.com/cicap.org
Twitter: https://twitter.com/cicap

Sostieni il CICAP con il 5x1000 - C.F. 03414590285
Informazioni:  http://goo.gl/90ZkTR

giovedì 15 settembre 2016

Lavoro = forza per spostamento.

Un amico mi ha sottoposto questo video, che è un servizio del TG3 Lombardia e che quindi merita un po’ di attenzione, nonostante il ‘di cui nessuno parla’ che lo relegherebbe al volo nel campo delle bufale.


Auto-Inventato in Italia nuovo sistema di... di webtoday

Da quello che capisco in pratica inseriscono un riduttore, che riduce certamente la forza necessaria a far girare la ruota, ma, se la fisica non è un’opinione, dovrebbe pure ridurre la coppia ed aumentare il numero di giri per ottenere lo stesso spostamento.

L'energia è quella che si spende per muovere un veicolo: è data dalla potenza per il tempo in cui viene impiegata. Ovvero, la potenza è data dalla forza per lo spostamento diviso il tempo. Ciò vuol dire che se alzo 100 kg in un secondo ad un metro da terra, impiego la stessa potenza che mi ci vuole per spostarne 200 a 50 cm, oppure sempre 100, sempre ad un metro ma in due secondi. Spostando il punto di attacco della forza (principio della leva) riduco la forza necessaria (l'auto che si sposta con un dito) ma devo fare uno spostamento del dito molto più lungo per far fare gli stessi giri alla ruota. La potenza non varia e l'energia nemmeno. E l’energia consumata con relativa potenza prodotta dipende dall’efficienza motore, non dalla trasmissione, anzi, se allungo la trasmissione avrò maggiori perdite di energia.

Per quanto capisco di fisica e meccanica, una cosa del genere, che paragonerei ad un ingranaggio del cambio in più, non può ridurre i consumi del 70 e più % senza una perdita di prestazioni sia in accelerazione che in velocità. Per me, quindi, l'invenzione è una bufala.

Qualche amico ‘gnegnere’ può per cortesia correggere le corbellerie che ho appena scritto?

domenica 11 settembre 2016

15 anni fa il 9/11

11 Settembre 2001.
4 aerei di linea vengono dirottati da attentatori suicidi.

Due di essi vengono fatti schiantare contro le Twin Towers, provocando il crollo di quelle torri e di altri edifici limitrofi.

Uno va a colpire il Pentagono.

Uno, grazie all'intervento dei passeggeri, si schianta al suolo senza provocare ulteriori danni.

Quello che è stato uno degli attentati più devastanti ed impressionanti della storia, causò la morte di circa 3000 persone.

A 15 anni da quel giorno, rimangono ancora personaggi che mantengono in giro ipotesi assurde per attribuire l'attentato alla CIA, ai Man In Black, al Mossad o agli alieni.

Questi attentati furono organizzati e realizzati da un gruppo di terroristi aderenti ad al-Qāʿida. Questa è la cruda verità.

Tutte le altre sballate teorie sono frutto di menti malate o costruite per tornaconto personale di personaggi che non meritano neanche di essere citati.

Se per caso avete dei dubbi, fatevi un giro su questi due siti.

http://undicisettembre.blogspot.it/
http://debunking911.com/index.html

Il primo passo per evitare che certe cose si verifichino di nuovo, è avere coscienza di quello che accade.

RIP

giovedì 8 settembre 2016

Quando la terra trema.

Mercoledì 24 agosto alle 3:36 del mattino c'è stato un terremoto di magnitudo 6.0 (Scala Richter) con
Clicca per ingrandire
epicentro nei pressi di Amatrice e Accumoli, due piccoli paesi del reatino. La scossa ha avuto una magnitudo di 6.0, una profondità di 4 km ed è durato 142 secondi. Alle 3.56 la seconda scossa, ad Amatrice, di magnitudo 4.4.

Questa la fredda cronaca di un evento naturale che ha sconvolto le vite di migliaia di persone, con (nel momento in cui scrivo) 295 morti. Per i danni materiali non oso fare una stima, le foto le abbiamo viste tutti.

142 secondi. Io ricordo il piccolo terremoto che colpì Novi Ligure qualche anno fa, furono solo pochi secondi ed una magnitudo neanche paragonabile, ma la sensazione di avere il terreno che scappava da sotto i piedi fu terribile. 142 secondi di scuotimenti a 0.3/0.4 G, per chi li ha subiti devono essere durati un’eternità, seguita dallo choc di ritrovare la propria vita distrutta.

I satelliti Sentinel 1A e Sentinel 1B, che fanno parte del programma Copernicus dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), e quelli della costellazione Cosmo-Sky-Med dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) hanno mandato le prime immagini dei danni e dei crolli, ed i loro strumenti hanno permesso ai sismologi di calcolare che Accumuli ha subito uno spostamento laterale di 16 centimetri del suolo e uno sprofondamento di 20 centimetri. Può sembrare poco, ma bisogna pensare alle superfici, ai volumi in gioco, e questo 'poco' diventa una cosa enorme.

Cosa è un terremoto? In poche parole, la crosta terrestre è suddivisa in zolle che si muovono lentamente le une contro le altre, galleggiando sul mantello di rocce semifluide sottostante. Siccome queste zolle sono rigide ed ‘incastrate’ tra di loro, il movimento non è libero, quindi l’energia del movimento si accumula piano piano in determinati punti fino a quando all’improvviso, in quel punto specifico, le zolle ‘scivolano’ provocando il terremoto. L’intensità del terremoto dipende da diversi fattori: elasticità della zolla, energia accumulata, profondità del movimento, tipo del terreno.

Ribadiamo ancora una volta una cruda, triste verità: per quanto si studino le scienze della terra, NON ESISTE un modo per prevedere con esattezza dove, quando e con che forza colpirà un terremoto. Chi dice il contrario è un illuso (e magari un imbroglione).

Sappiamo però quali sono le zone a più alto rischio sismico. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha un sito, http://zonesismiche.mi.ingv.it/, dove si può vedere il grado di rischio sismico di ogni regione italiana. Mappe simili esistono per tutto il mondo, e sappiamo, per esempio, che la zona di Los Angeles/San Francisco è a forte rischio a causa della faglia di frattura di San Andreas.

Sappiamo dove (più o meno) un terremoto colpirà, ma non sappiamo quando. Bene, usiamo questa informazione per costruire in modo antisismico. Lo possiamo fare, e gli edifici costruiti correttamente possono resistere a terremoti anche più forti di quello di Accumuli ed Amatrice. Le specifiche ci sono, pretendiamo che vengano applicate per le nostre case e per le scuole dei nostri figli.

Piangere dopo non serve a nulla. Serve la prevenzione. Anche se si spende di più prima, alla fine costa di meno. In denaro ed in vite umane.

Per chi volesse dettagli tecnici sul terremoto, il report dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia lo trovate a questo link: http://terremoti.ingv.it/it/ultimi-eventi/1001-evento-sismico-tra-le-province-di-rieti-e-ascoli-p-m-6-0-24-agosto.html. Ci trovate anche i riferimenti normativi per le costruzioni antisismiche.

Alla prossima.

Da http://www.alessandrianews.it/provincia/quando-terra-trema-137955.html

martedì 6 settembre 2016

Le Piramidi anche a Bosio!

Domani sera, Mercoledì 7 settembre, ore 21, sarò alla Biblioteca di Bosio (AL) (Vico Cialdini 1, angolo via Umberto I) per presentare il mio libro 'Le Piramidi le ha costruite Bigfoot!'.

Vi aspetto!

lunedì 5 settembre 2016

Hamer e la 'Nuova Medicina Germanica'. (UPD)

Mi segnalano che il prossimo 9 Settembre, a Silvano d'Orba, ci sarà un incontro per parlare delle '5 leggi biologiche' di Hamer, relatore il dott. Emmanuele Lupi. Questo (spero funzioni) il link all'evento Facebook.

UPD: pare che l'incontro si replicherà il 10 Settembre ad Alessandria, con un successivo seminario il 23 Ottobre a Montessore (Isola del Cantone, GE). Questo il link al sito EVENTA.

Premesso che ovviamente chiunque ha diritto di seguire le pratiche che più gli aggradano, vorrei segnalare a quanti interessati alla materia che le pratiche hameriane NON sono scientifiche.

Vi riporto due brani informativi (grassetti miei).

Da Wikipedia:
Ryke Geerd Hamer (Mettmann, 17 maggio 1935) è un medico tedesco non più abilitato all'esercizio
della professione. È noto per aver elaborato, a partire dal 1981, una medicina alternativa denominata Nuova Medicina Germanica (NMG); inoltre è conosciuto anche per la vicenda di suo figlio Dirk, ucciso da un colpo di arma da fuoco, per il quale Vittorio Emanuele di Savoia fu accusato di omicidio e poi assolto.
Hamer sostiene che la genesi di ogni patologia sia dovuta a presunti traumi o conflitti non risolti e propone trattamenti originali, come il contagio volontario con agenti microbici.
Le sue teorie alternative, logicamente contraddittorie e scientificamente implausibili in quanto prive di qualsiasi riscontro biologico o clinico, sono state ripetutamente al centro di polemiche poiché hanno causato il decesso di numerosi pazienti che le avevano seguite. Secondo quanto riportato da diverse fonti, sarebbero tra i 140 e le diverse centinaia i decessi attribuiti all'applicazione dell'approccio di Hamer. Inoltre, secondo SwissCancer, ai pazienti affetti da cancro viene negata la terapia del dolore tramite somministrazione degli oppioidi (morfina), non prevista nella NMG.Per tali motivi è stato indagato, arrestato e condannato più volte in diversi paesi europei (Francia, Spagna, Austria, Germania, Belgio) per i reati di cattiva pratica medica, esercizio abusivo di professione medica, omissione di soccorso, calunnia e frode. Radiato dall'Ordine dei Medici e conseguentemente sospeso dalla pratica medica da un Tribunale tedesco nel 1986, perché affetto da "monomanie e grave perdita del senso della realtà", è stato incarcerato l'ultima volta in Francia dal settembre 2004 al 16 febbraio 2006 per frode ed esercizio abusivo della professione medica.
Hamer è conosciuto inoltre per le sue affermazioni antisemite, che nel marzo 2007 gli sono costate l'avvio di ulteriori procedimenti giudiziari da parte della procura di Cottbus (Robbineck) per "incitamento all'odio razziale".


Dal sito 'Dossier Hamer', curato dal giornalista Ilario D'Amato:
Promettono una guarigione certa al 98% da ogni tipo di malattia, cancro compreso. Come? Solo risolvendo i propri “conflitti”: il tumore al polmone è causato dalla paura di morire, quello ai testicoli dalla paura di non riuscire a procreare e così via.

A sbandierarlo sono gli adepti di Ryke Geerd Hamer, ex medico tedesco radiato dall’Ordine nel 1986 a causa dei tanti morti che ha lasciato dietro di sé.
Accusato di cattiva pratica medica ed omicidio (su di lui pesano almeno 140 morti in tutta Europa) attualmente è latitante in Norvegia perché imputato dal procuratore di Cottbus, in Germania, di istigamento all’odio razziale. Già, perché lui sostiene che la sua “Nuova Medicina”, che ha registrato con il nome di “Germanica”, verrebbe praticata da sempre dagli ebrei, che coscientemente la nasconderebbero ai non-ebrei per effettuare una sorta di rivincita sull’Olocausto. Il tutto spalleggiato, ovviamente, dalle case farmaceutiche.
Chi ha un tumore o patologie più o meno gravi, dunque, non deve assolutamente assumere farmaci o altro, ma deve solo scavare dentro di sé per trovare e risolvere il conflitto che ha scatenato la malattia (malattia che -per loro- è una preziosa risorsa, e non qualcosa di negativo). La questione della terapia in realtà è molto più complessa, perché il vero terapeuta dovrebbe essere il paziente stesso: e così se si guarisce le teorie di Hamer sono vere, se si muore è stata colpa del paziente che non è riuscito a risolvere il conflitto: e le teorie di Hamer ne escono ancora una volta come “vere” e “provate”.
Non presenta alcuna prova di quanto afferma, ed anzi rinnega il metodo scientifico. Non esiste un solo caso documentato in cui le sue teorie abbiano guarito qualche paziente, ma la rete è invasa da aneddoti di suoi adepti che si auto-diagnosticano ogni tipo di malattia per poi auto-proclamarsi guariti.
Queste, in estrema sintesi, le argomentazioni che ho raccolto e documentato nella mia lunga inchiesta, che ho voluto raccogliere su questo sito insieme alle dolorose testimonianze di persone morte dopo essersi affidate a tali teorie. Ognuno decida liberamente in che modo usare queste informazioni: quanto qui esposto è scrupolosamente documentato, a differenza di quanto accade per i tanti allettanti aneddoti sulla "Nuova Medicina Germanica" che infestano la rete. Io intendo dare un'informazione corretta, con parole semplici ma senza sacrificare i riferimenti a testi e documenti.

Poi, fate come volete, ma almeno fatelo coscientemente.

Alla prossima

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...