martedì 29 dicembre 2009

Basta fesserie!!!


Veramente, non ne posso più di fesserie!

Ma l'uomo è veramente un essere dotato di raziocinio? Siamo veramente il risultato di 10.000 anni di civilizzazione?

A guardare i palinsesti TV si direbbe di no. Grandi fratelli, isole, fattorie, voyager e (scusate il turpiloquio) misteri scorazzano su reti pubbliche, reti private e reti a pagamento. Anzi, i grandifratelli sono fonte di grassi introiti grazie a canali a pagamento ad hoc, e quindi devono rispondere ad un grande bisogno 'intellettuale' del popolo al plasma (di tubi catodici ormai pochini.... ).

Fuori dagli LCD via etere (o via satellite), negli schermi piatti via ADSL entrano nelle nostre case scie chimiche, orgoniti, complottismi di bassa lega, bicarbonati per curare i tumori ed un caravanserraglio di idiozie che da il voltastomaco al povero neurone rimastomi.

Non bastano le 'bip' via elettronica, ci si mettono pure i convegni (pagati con soldi nostri) a cercare di dare un minimo di senso a cose senza senso....

Non basta ancora... siamo a fine anno, e quindi radio, TV e giornali si riempiono di altre fesserie, ed è un fiorire di astrologi chiromanti veggenti ed altri imbroglioni (magari alcuni pure in buona fede, e questo non è un complimento per il loro raziocinio) che imperversano spacciando le loro allucinazioni per 'previsioni per il nuovo anno'. E fa orrore pensare che questi su queste vaccate ci CAMPANO! E pure bene, alla faccia e sulle spalle dei poveri gonzi (poveracci, ma d'altronde questo passa il convento...) che ci credono.

E restando in tema oroscopo, gli unici che da 20 anni cercano di mostrare al popolo italiota la 'fallacia' delle previsioni astrologiche (cosa peraltro facile, viste le stupidate spacciate per previsioni), vengono accusati di chiusura mentale, di essere al soldo della CIA, o pure peggio.
E di sicuro gli amici del CICAP, oltre a non prendere una lira per quello che fanno (anzi, probabilmente ci rimettono del loro)  non hanno gli stessi spazi offerti ai venditori di fumo...

Come dite? Che sembro arrabbiato? Che ho passato il limite? Insomma, quando ce vo, ce vo....

lunedì 28 dicembre 2009

Neda non e' sola


In questo blog in genere non mi occupo di politica.


Visti i recenti avvenimenti ritengo pero' doveroso ricordare Neda Agha Soltan, una delle vittime, forse la piu' famosa, della repressione in Iran. 

Purtroppo altre persone (15?) sono morte, per un desiderio di liberta' che viene negata da certi regimi che della liberta' hanno paura.

Non solo in Iran si contano i morti. Anche in Afghanistan, in Corea, in Irak, in Somalia, in Cina ed in troppi altri posti, esprimere le proprie idee, politiche o religiose, puo' portare alla morte.
Si muore anche per le bombe messe da chi non vuole che il popolo possa scegliere (bene o male) il proprio destino.

Contro la stupidita' umana, neanche gli dei possono nulla.

A proposito di CNR...


Forse avrete sentito parlare di un discusso (e discutibile) convegno organizzato da vicepresidente del CNR Roberto De Mattei.

Io non sono all'altezza per poter commentare con la dovuta sagacia e la necessaria correttezza scientifica, posso però esprimere il mio profondo sconcerto (si, è Natale ed anche io sono più buono....) per questa iniziativa e per le tesi 'farlocche' presentate.

Per un commento dettagliato ed approfondito, vi invito caldamente a leggere gli ottimi interventi di Gianni Comoretto e della grande divagatrice, che sottoscrivo in toto.

Buona lettura

mercoledì 23 dicembre 2009

Buone Feste!

Cari Lettori,
auguro a tutti voi un Sereno Natale ed un 2010 meglio dell'anno appena trascorso.

Che sia un anno pieno di curiosità per i veri mysteri che il mondo ci offre.

Buone feste!


PS: se ripensando all'anno appena trascorso vi trovaste a pensare di aver avuto dei problemi, o dei grandi successi, forse questo poster vi aiuterà a ritrovare la giusta prospettiva delle cose....






Clicca per ingrandire

domenica 20 dicembre 2009

La vita, l'universo e tutto quanto....

Il sempre godibilissimo Paolo Attivissimo ha pubblicato un post, l'universo in sei minuti, in cui presenta un meraviglioso filmato.

L'universo conosciuto


Vi voglio anche presentare quello che considero il papa' del precedente, ovvero Potenze di dieci.


Buone Feste!

sabato 19 dicembre 2009

Global Warming 2 (the revenge)


Il commento oggetto del mio post precedente ha suscitato vivaci reazioni, tanto che James Randi si è sentito in dovere di pubblicare alcune precisazioni.

Buona lettura.

I Am Not "Denying" Anything

Written by James Randi  
Thursday, 17 December 2009 11:01
Well, my piece on AGW -- Anthropogenic Global Warming -- has elicited a huge response, both positive and negative. The subject, dealing with the influence of our species on the observed increase in overall temperatures around the globe -- said to be about 0.7º Celsius -- is apparently a matter of great contention, and I almost regret having entered into it. Almost...
I must say that much of the commentary I see refers to "about one degree" without specifying Celsius or Fahrenheit scales. I'm so old-fashioned and fuddy-duddy that I sometimes refer to the Celsius scale as Centigrade, though it was Swedish astronomer Anders Celsius -- almost two centuries ago -- who came up with the plan to divide the span between the temperature at which water ice melted, and water boiled, into 100 parts. Only at -40º do the Fahrenheit and Celsius thermometers agree, but life is complicated, and we have to deal with such facts. Since about 1980, Celsius has become fashionable. For some perverse reason, and at risk of another storm of comments, I rather think that the USA should drop Fahrenheit -- a German/Dutch scientist even more dead than Celsius -- along with inches, pounds, quarts, miles, yards, furlongs, and other cute but incompatible units we inherited from the UK. But then, I'm a confirmed fuddy-duddy, as you know.
Back to business. Somehow, my AGW commentary was seriously misunderstood by some. Part of the reason for that is probably due to the fact that I took a much longer, 5,000-word piece, and cut it down to about 1,400 words to better fit Swift's needs. Along the way, some clarity was lost. For that, I apologize. But here are a couple of the typical negative comments I received, which are unfounded:
"Randi just came out against the science that indicates that Global Warming is happening, that it is man made, and that it will harm our biosphere (and is currently doing so)."
"I was also saddened by Randi siding with the GW denialists. He seems to have fallen for a number of logical fallacies, and apparently prefers self-deception and ignorance when it comes to this issue. Very, very sad."
Sad? Yes, if it were true. But it's not. There were a good number of other, similar comments, all quite wrong. I do not, and did not, deny the established fact -- arrived at by extensive scientific research -- that average global temperatures have increased by a bit less than one Celsius degree. My commentary was concerned with my amateur confusion about the myriad of natural phenomena that obviously bring about worldwide climate changes and whether we can properly assign the cause to anthropogenic influences. Yes, I'm aware of the massive release of energy -- mostly heat -- that we've produced by exhuming and burning oil, natural gas, and coal. We've also attacked forests and turned them into fuel by converting them into paper at further energy expense, paper that is also burned, in turn. My remarks, again, are directed at the complexity of determining whether this GW is anthropogenic or not. I do not deny that possibility. In fact, I accept it as quite probable. I remain respectful of science and its participants. I stand outside the walls of academe, in awe.
Here are a few of the comments that are kinder and much closer to the truth:
"Whether Randi is correct or not, he is honest enough to say that he does not know enough or does not have the expertise to make a fully informed decision. Right there he is 100% more honest than any denier (or religionista for that matter). When in the future he is given the requisite climate change information, if he changes his mind, he will change his mind (again, unlike deniers and religionistas). For that, my respect for him remains intact."
"I find it kind of strange to admonish James Randi here. He's a skeptic like most of us, and he disagrees with the common scientific opinion right now, with qualifications. He's not even trying to be convincing. He's reserved, repeatedly showing that he has doubts of the conclusion he's indicating. He even states that his opinion is uninformed."
"This kind of response, that he should be ashamed for expressing his opinion (especially in such a humble manner) is unnecessary. I'd be surprised if most of the people (climatologists excluded) who have concluded that AGW is occurring have looked at any more data than Mr. Randi here; the venom is a knee jerk reaction to someone disagreeing with them. Let's face it, we're (mostly) all armchair experts here. That said; I also disagree with James Randi here, but I'm more confused that he came to his conclusion than saddened or upset."
"For what it's worth, I think PZ [Paul Zachary Myers, a biology professor and the author of the science blog Pharyngula] is wrong to say Randi has joined the denialists. Randi simply said he doesn't know."
I must quickly add that PZ and I are friends and allies, and that we're not at odds. However, I perceive that he often tends to rush to publication without first checking with the author of some provocative item. This provides PZ with lots of controversy and attention, but at the expense of the author in question.
I'll close this matter with very appropriate comments from Dr. Phil Plait, who serves as President of the JREF for another two weeks, after which his position will be taken by D. J. Grothe, who I'm sure is known to all my readers. Phil effectively clarified a few points for me:
"Like many others, I was surprised when I read your Swift entry on global warming. I agree with much of what you said, but as I'm sure some have pointed out to you, there were two key issues I think you may have not considered.
"One is the Petition Project; while it has a veneer of respectability, it is only that: a thin veneer. It's not a scientific document, and many of the signatories are not climate scientists. It's been dissected pretty well on the net, for example, on e-skeptic."
In consulting this source, I suggest that you go directly to "Case Study: The Oregon Petition" to see just how this "project" was created and distributed. I admit that I was unaware of the true nature of the Petition, and I thank Dr. Plait -- and several others -- who pointed me to this reference and a much better grasp of the situation. Phil continues:
"That's an excellent deconstruction of why this project is not valid. Note also that only about 10% of the signers at best are actually educated in the field of climatology, and it's unclear what 'educated' means, exactly, in this context. Do they perform current research in climatology, and are they up-to-date with current thinking in the field? There's no indication of this in the petition.
"Also, you had mentioned how complex GW is and how difficult it is to model. That too is true, but the observations of the climate are very clear and indeed overwhelming: the Earth is warming, and the effects are entirely consistent with CO2 increase. The Sun has been shown clearly not to be the cause of this (there is no increase in solar output, for example), and the climate change we observe is too rapid to be due to vagaries in the Earth's orbit. It must be something local. The lack of a simple model doesn't prevent climatologists from understanding many of the key issues underlying global warming."
As I've indicated, I do not deny the finding of GW. AGW, to me, is less clear, though I accept that it is likely true. Phil again:
"Your claim that 'we're aware that lunar tides, solar wind, galactic space dust and geomagnetic storms have cooled the planet by about one centigrade degree in the past 150 years' is at odds with the instrumental records of NASA, NOAA, the University of East Anglia and the Japan Meteorological Agency, all of which show a warming of approximately 0.7 degrees C since 1850."
I'm still trying to find where I discovered this gem of text. I suspect that "cooled" should have been "warmed," but my currently chemo-altered encephalon stumbled... Both my enecephalon and I stand corrected. Phil again:
"While we are both amateurs, I think it behooves us to give in to those who have devoted their professional lives to understanding this complex subject. And what they have to say can be boiled down to this: the world is warming and humankind is responsible for at least half of that rise in global average temperatures."
Accepted. Again, the importance and the impact of this phenomenon is well beyond my grasp. I merely expressed my thoughts about the controversy, and I received a storm (no pun intended) of comments, many of which showed a lack of careful reading that led to unfair presumptions and interpretations. Will I do it again with other subjects? Without fail, I promise you. This is what human interaction is all about, what makes it important. I've shown that I can make observations on subjects barely within my understanding, while admitting my shortcomings, and provoke reactions that are interesting, constructive, and sometimes furious. That's okay. Language is a means of expressing one's thoughts and opinions without resorting to fisticuffs or worse. This encounter was bloodless, gentlemanly, and civilized.
And I thank you all for the use of the hall, as I used to say in simpler times...

Correction: The last two quotations in this piece were incorrectly attributed to Phil Plait. In fact, they come from journalist James Hrynshyn, who was kind enough to call our office yesterday to discuss the evidence for and against AGW.

venerdì 18 dicembre 2009

Qualche commento sul global warming (Updated)


Quello che segue è un articolo di James Randi, uno dei personaggi di maggior spicco nel panorama dello scetticismo scientifico mondiale..

Aggiungo un piccolo pensiero sull'argomento: sono assolutamente convinto che sia enormemente meglio NON inquinare piuttosto che inquinare. Ritengo pure una fesseria immane bruciare una risorsa di base importante come il petrolio (origine di materie plastiche e millanta altri prodotti).
Ma credo anche che sia molto difficile poter affermare che il riscaldamento globale sia principalmente colpa delle attività umane. Anzi, potrebbe essere addirittura che questo riscaldamento non esista. Purtroppo, a quanto mi è dato di capire, i dati sono parziali e sono fortemente soggetti alle interpretazioni di parte.
Io comunque sarei per fare quanto è possibile per limitare le emissioni di CO2 da attività umana, e per ridurre l'inquinamento al minimo, ma senza 'guerre di religione' tra 'catastrofisti' ed 'irresponsabili'.
In questa ottica, ritengo molto interessante ed equilibrato l'intervento di Randi - ed è per questo che lo propongo ai miei lettori, informando anche che si tratta di un argomento MOLTO controverso e che andrebbe dibattuto con molta attenzione e responsabilità.

Buona lettura

AGW, Revisited

Written by James Randi , Tuesday, 15 December 2009 17:14

Though this subject is not one that directly concerns the JREF, I'm very frequently asked if I'll turn my skeptical eye to it. As a year-end fling, I'll give it a try. To wit:

An unfortunate fact is that scientists are just as human as the rest of us, in that they are strongly influenced by the need to be accepted, to kowtow to peer opinion, and to "belong" in the scientific community. Why do I find this "unfortunate"? Because the media and the hoi polloi increasingly depend upon and accept ideas or principles that are proclaimed loudly enough by academics who are often more driven by "politically correct" survival principles than by those given them by Galileo, Newton, Einstein, and Bohr. (Granted, it's reassuring that they're listening to academics at all -- but how to tell the competent from the incompetent?) Religious and other emotional convictions drive scientists, despite what they may think their motivations are.

The Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) -- a group of thousands of scientists in 194 countries around the world, and recipient of the 2007 Nobel Peace Prize -- has issued several comprehensive reports in which they indicate that they have become convinced that "global warming" is and will be seriously destructive to life as we know it, and that Man is the chief cause of it. They say that there is a consensus of scientists who believe we are headed for disaster if we do not stop burning fossil fuels, but a growing number of prominent scientists disagree. Meanwhile, some 32,000 scientists, 9,000 of them PhDs, have signed The Petition Project statement proclaiming that Man is not necessarily the chief cause of warming, that the phenomenon may not exist at all, and that, in any case, warming would not be disastrous.

Happily, science does not depend on consensus. Conclusions are either reached or not, but only after an analysis of evidence as found in nature. It's often been said that once a conclusion is reached, proper scientists set about trying to prove themselves wrong. Failing in that, they arrive at a statement that appears -- based on all available data -- to describe a limited aspect about how the world appears to work. And not all scientists are willing to follow this path. My most excellent friend Martin Gardner once asked a parapsychologist just what sort of evidence would convince him he had erred in coming to a certain conclusion. The parascientist replied that he could not imagine any such situation, thus -- in my opinion -- removing him from the ranks of the scientific discipline rather decidedly.

History supplies us with many examples where scientists were just plain wrong about certain matters, but ultimately discovered the truth through continued research. Science recovers from such situations quite well, though sometimes with minor wounds.

I strongly suspect that The Petition Project may be valid. I base this on my admittedly rudimentary knowledge of the facts about planet Earth. This ball of hot rock and salt water spins on its axis and rotates about the Sun with the expected regularity, though we're aware that lunar tides, solar wind, galactic space dust and geomagnetic storms have cooled the planet by about one centigrade degree in the past 150 years. The myriad of influences that act upon Earth are so many and so variable -- though not capricious -- that I believe we simply cannot formulate an equation into which we enter variables and come up with an answer. A living planet will continually belch, vibrate, fracture, and crumble a bit, and thus defeat an accurate equation. Please note that this my amateur opinion, based on probably insufficient data.

It appears that the Earth is warming, and has continued to warm since the last Ice Age, which ended some 10,000 to 20,000 years ago. But that has not been an even warming. Years of warming followed by years of cooling have left us just a bit warmer than before. This conclusion has been arrived at from data collected at some 1,200+ weather stations in the USA, though bear in mind that there are very few weather stations over the vast oceans that cover 70% of our planet, or on the continents Africa, South America, and especially Antarctica.

We can now record temperatures with much better than the former fraction-of-a-degree accuracy we had just a decade ago, but that temperature change appears to be just about half a degree Centigrade.

Our Earth's atmosphere is approximately 80% nitrogen, 20% oxygen. Just .04% is carbon dioxide -- a "trace" amount. But from that tiny percentage is built all the plants we have on Earth. CO2 is a natural molecule absolutely required for plant life to survive, and in the process of growing, those plants give off oxygen. We -- and all animal life -- consume that oxygen and give off CO2. (No, this is not an example of Intelligent Design.) If that balance is sufficiently disturbed, species either adapt or perish. And the world turns...

Incidentally, we have a convenient phenomenon that contributes to our survival. Doubling the amount of CO2 in our atmosphere will not double the temperature rise, small though it is. The basic principle of what's known as the "greenhouse effect" is quite simple: in a glass-enclosed environment, sunlight enters through the glass and strikes a surface, where it is transformed into longer infrared rays which do not easily reflect back through the glass; they're trapped. and raise the temperature. However, the greenhouse effect as applied to our planet is more complicated. The infrared rays that are reflected back from the Earth are trapped by the greenhouse gases, water vapor and CO2 -- a process that warms those gases and heats the Earth. This effect makes Earth habitable, preventing extremes of temperature. The limit of the influence of CO2 is dictated, not by the amount of greenhouse gases in the atmosphere, but by the amount of solar radiation reflected back from the Earth. Once all the infrared rays have been "captured" by the greenhouse gases there is no additional increase in carbon dioxide.

Yes, we produce CO2, by burning "fossil fuels" and by simply breathing. And every fossil fuel produces CO2. Some products produce more than others, varying with their chemical composition. Methane gas produces less CO2, wood produces more. But almost paradoxically, when wood burns it produces CO2, and when a tree dies and rots it produces yet more CO2. Oceans are huge storage tanks for CO2, but as they warm up, they hold less of the dissolved gas. They release it into the atmosphere, then more of it is absorbed back into the oceans. And as far as humans are concerned, ten times more people die each year from the effects of cold than die from the heat. This a hugely complex set of variables we are trying to reduce to an equation...

It's easy enough to believe that drought, floods, hurricanes, and earthquakes are signs of a coming catastrophe from global warming, but these are normal variations of any climate that we -- and other forms of life -- have survived. Earth has undergone many serious changes in climate, from the Ice Ages to periods of heavily increased plant growth from their high levels of CO2, yet the biosphere has survived. We're adaptable, stubborn, and persistent -- and we have what other life forms don't have: we can manipulate our environment. Show me an Inuit who can survive in his habitat without warm clothing... Humans will continue to infest Earth because we're smart.

In my amateur opinion, more attention to disease control, better hygienic conditions for food production and clean water supplies, as well as controlling the filth that we breathe from fossil fuel use, are problems that should distract us from fretting about baking in Global Warming. From Sir Arthur Conan Doyle's 1891 A Scandal in Bohemia, I quote:

    Watson: "This is indeed a mystery," I remarked. "What do you imagine that it means?"

    Holmes: I have no data yet. It is a capital mistake to theorise before one has data. Insensibly one begins to twist facts to suit theories, instead of theories to suit facts...

giovedì 10 dicembre 2009

No alla regolamentazione degli omeopatici con fondi pubblici

Da 'La Scienza in rete':


Al Ministro del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Prof. Maurizio Sacconi
Al Viceministro della Salute Prof. Ferruccio Fazio

Apprendiamo dai giornali e da notizie recentemente circolate negli ambientiregolatori che i prodotti cosiddetti "omeopatici", privi - per ammissione delle stesse Autorità Regolatorie europee - di qualsiasi azione terapeutica che non sia riconducibile all'effetto placebo, dovranno essere registrati e autorizzati dall'AIFA su Direttiva Europea per la vendita nelle farmacie. La
procedura autorizzativa prevederà la sola documentazione della loro innocuità per il paziente.

Ribadiamo con fermezza che risulta inconcepibile che prodotti di questo tipo, che secondo i principi della scienza e del metodo sperimentale sono da considerarsi a tutti gli effetti privi di efficacia terapeutica (il farmaco, per dirsi tale, deve necessariamente essere più efficace del placebo) possano essere messi in commercio con la legittimazione delle Autorità
Regolatorie italiane.

La valutazione a tappeto di 30.000 prodotti omeopatici ai fini dell'innocuità e la successiva registrazione da parte dell'AIFA, oltre a rappresentare uno spreco delle risorse pubbliche - centinaia di migliaia di ore di lavoro amministrativo gettate al vento con un impatto economico presumibilmente misurabile in milioni di euro - corre il rischio di essere percepita da un parte non trascurabile della popolazione come un'attestazione di efficacia, che ne legittimerà l'uso, con rischi significativi per la salute dei pazienti. Alcuni di loro, infatti, potranno essere indotti a sostituire o ritardare l'uso di farmaci efficaci, figli della medicina dell'evidenza scientifica, per il trattamento delle patologie in atto.

La comunità medico-scientifica, rappresentata dalla Consulta delle Società Scientifiche per la Riduzione del Rischio Cardiovascolare (CSCV) esprime stupore e forte preoccupazione per questa situazione e chiede a questo Ministero di esplorare tutte le strade legali e diplomatiche, anche con ricorsi ed azioni mirate nelle opportune Sedi Comunitarie, per impedire che
questo "fenomeno paranormale" sotto il profilo regolatorio e scientifico possa coinvolgere il nostro Sistema Sanitario; Sistema Sanitario già gravato da ben più importanti problemi di sostenibilità e scarsità di risorse, necessarie per l'impiego dei farmaci più innovativi e, più in generale, per l'introduzione di nuove tecnologie diagnostiche e terapeutiche, con equità di accesso per tutti i cittadini italiani.

Consulta delle Società Scientifiche per la Riduzione del Rischio Cardiovascolare (CSCV)

martedì 8 dicembre 2009

Ruggeri, meglio se torni a cantare....


A fare trasmissioni pseudoscientifiche penose gia' c'era Giacobbo con 'Boyager' (ed ha pure il patrocinio del ministero della cultura.... povera Italia....), e non si sentiva proprio bisogno dei 'Misteri' di Italia 1.

Si dice che toccato il fondo non si puo' far altro che risalire. In questo caso,  toccato il fondo (il coniglio scuoiato spacciato per feto alieno), si e' proseguito iniziando a scavare con un entusiasmo a dir poco disdicevole. E' tristemente vero - purtroppo - che al peggio non c'e' mai fine....

Con tutte le meraviglie che la 'vera' scienza puo' offrire, con tutti i 'veri' misteri che ancora esistono, la redazione di Ruggeri cosa ti va a trovare? I complotti lunari.... Oh misericordia..... almeno un barlume di fantasia, suvvia!

Per i dettagli sull'ultima 'perla' ruggeriana, vi rimando a questo post di Paolo Attivissimo, che sottoscrivo in toto (insomma, lui forse e' pure troppo gentile....).

Vorrei anche lanciare un'appello: se qualcuno ha visto i neuroni - tre in tutto e pure gracilini - della redazione di Misteri (programma di Claudio Cavalli, scritto da Candido Francica, con Cristina Meda e Ade Capone, tanto per segnalare gli irresponsabili di cotanta schifezza), per favore, li persuada a tornare alla base. A meno che non si siano gia' suicidati per la vergogna....

lunedì 7 dicembre 2009

Non aprite quella porta....

Segnalo ai miei lettori un post di John e Brain Use, dal blog Undici Settembre. Si tratta di una perla che non si può mancare di diffondere!


"La porta di accesso alla cabina di pilotaggio del Volo 77 è rimasta chiusa per tutto il volo, quindi nessun terrorista ha potuto accedervi".

E' questa l'ultima trovata del complottismo undicisettembrino, urlata ai quattro venti dal sito PFT (Pilots for Truth) e tosto ripresa dai siti complottisti di mezzo mondo, compresi il nostrano Luogocomune e quello di Zero.

Ricostruiamo la vicenda.

Robert Balsamo, responsabile del sito PFT, il 27 novembre 2009 ha scritto una "new" affermando che "Newly decoded data provided by an independent researcher and computer programmer from Australia exposes alarming evidence that the reported hijacking aboard American Airlines Flight 77 was impossible to have existed. A data parameter labeled "FLT DECK DOOR", cross checks with previously decoded data obtained by Pilots For 9/11 Truth from the National Transportation Safety Board (NTSB) through the Freedom Of Information Act."

Traduciamo: "Dati recentemente decodificati, forniti da un ricercatore indipendente e programmatore di computer australiano, rivelano prove inquietanti che il presunto dirottamento a bordo del volo American Airlines 77 non era fisicamente possibile. Un parametro denominato "Porta di accesso alla cabina di pilotaggio" va a incrociarsi con i dati precedentemente decodificati che Pilots For 9/11 Truth aveva ottenuto dal National Transportation Safety Board (NTSB) grazie al Freedom Of Information Act."

Che vuol dire?

Vuol dire che questo "ricercatore indipendente" avrebbe estratto, dai dati della "scatola nera" del Volo 77, il parametro che indica se la porta di accesso al cockpit (cabina di pilotaggio) è aperta o chiusa. 

Il dato, che sarebbe aggiornato ogni 4 secondi, mostrerebbe che per tutta la durata del volo la porta è rimasta sempre chiusa. Quindi – sempre secondo i complottisti – nessun estraneo, nessun terrorista, l'avrebbe aperta per accedere alla cabina di pilotaggio.

Ebbene, la notizia è l'ennesima gigantesca bufala.

Innanzitutto il parametro Flight Deck Door non è compreso tra quelli elaborati dall'NTSB, l'ente specializzato in questo tipo di indagini. Infatti nella relazione investigativa dell'NTSB datata 31 gennaio 2002, gli specialisti hanno elencato i parametri estratti dalla "scatola nera". Tra essi non c'è il parametro in questione, che invece è elencato sotto la voce "Parametri non funzionanti o non validati".

Ciò può significare due cose: o la registrazione di quel parametro era danneggiata, oppure il parametro non era funzionante in quanto il relativo sensore era assente o disattivato.

Ebbene, quest'ultima è la circostanza corretta. American Airlines 77 era un Boeing 757 costruito nel 1991 (scheda ASN). Come si evince dai documenti tecnici relativi al sistema di parametri dell'FDR dei velivoli di quel modello, il sensore relativo all'apertura o chiusura della porta di accesso alla cabina di pilotaggio è stato montato soltanto nei velivoli prodotti a partire dal 1997.

Quindi il parametro in questione non poteva segnalare l'apertura della porta, semplicemente perché il relativo sensore non c'era. E questo spiega perché l'NTSB ha inserito il parametro sotto la voce "Non funzionante o non validato".

Ulteriore conferma, semmai ve ne fosse bisogno, è data dal fatto che i dati della scatola nera, proprio quelle informazioni che il "ricercatore indipendente" dice di aver estratto dai file forniti dall'NTSB, dimostrano che il parametro in questione era impostato su CLOSED (ossia porta chiusa) anche per tutti i voli precedenti (per un totale di circa 40 ore) registrati dallo strumento.

A meno di sostenere che piloti e assistenti di volo accedevano al cockpit attraverso i finestrini, non si recavano mai alla toilette e non ricevevano i pasti o almeno un caffè dagli assistenti di volo, l'ennesima sparata complottista è quindi sbufalata in pochi minuti e ridotta a un miserevole rantolo.

Quanto accaduto, però, dimostra la sconcertante incompetenza di Pilots For Truth (e non è la prima volta che succede) e dei suoi piloti, veri o sedicenti che siano, oltre alla facilità con cui alla bufala hanno abboccato tutti i maggiori complottisti italiani.

Ci spiace aver loro spezzato l'illusione di aver trovato la "pistola fumante" che cercano invano da otto anni.

Anzi... non ci spiace affatto!

giovedì 26 novembre 2009

Sabato 28 Novembre

Niente bufole questa settimana - mancanza di spazio.

In compenso vi segnalo che Sabato 28 Novembre, ore 15.00, alla scuola elementare di Tassarolo, cercherò di far divertire i bambini con le magie della scienza.

Questo incontro è parte delle manifestazioni organizzate dalla locale Pro Loco.

A presto!

giovedì 19 novembre 2009

Al CICAP hanno i 'poteri'...


Un fenomeno mysterioso è accaduto recentemente a Rosignano, ottenendo un lungo articolo a pagina 59 de La Stampa del 9 Novembre scorso (che potete scaricare qui o leggere qui).

Filamenti sottili sottili, biancastri, appiccicaticci, sono scesi per un paio d'ore dal cielo terso, senza una nuvola. E senza che nulla lo attraversasse: ne' aerei ne' elicotteri. Un fenomeno strano, noto agli studiosi come «capelli d'angelo» o «fili della Vergine», associato spesso all'ufologia e alla presenza di oggetti volanti misteriosi. Un fenomeno accaduto pochi giorni fa nella zona di ROSIGNANO, ma non nuovissimo in provincia: nell'ottobre 2002, ad esempio, venne registrato alle porte di Alessandria. Filamenti analoghi rimasero impigliati su comignoli, tetti e antenne di Cantalupo.

Fenomeno spesso associato all'ufologia, nonostante i risultati delle analisi effettuate dall'ARPA, che sentenziarono: «Ragnatele prodotte da un particolare ragno che nidifica nel terreno e che si spostano nel vento».

Ovviamente una spiegazione così banale non soddisfa tutti. Ma vuoi mettere dei ragnetti con l'ipotesi di residui lasciati da un'astronave aliena? E quindi non stupisce che alcuni abbiano contestato le conclusioni dell'ARPA affermando che non si trattava di un composto biologico ma di una fibra sintetica.

Diversi sono gli autori e gli studiosi che si sono cimentati nell'analisi e nell'identificazione di questi filamenti. Non sorprenderà scoprire che ci sono due grandi filoni di risultati:
1 - indagini effettuate da convinti ufologi hanno portato a risultati 'alieni'
2 - indagini condotte da scettici curiosi hanno confermato l'origine 'ragnesca'.

Chi mi legge saprà ormai che io sono uno scettico impenitente, ed ho la brutta abitudine di fidarmi solo di chi mi porta dati di fatto verificabili scientificamente. E purtroppo non ho la mente così aperta da riuscire a trovare dati di fatto nelle indagini che hanno portato ai risultati alieni....

In compenso trovo molto interessante quanto scrisse Simone Angioni, del CICAP, nel Novembre 2008:
Le analisi su questi campioni condotte negli ultimi 50 anni sono veramente scarse e piuttosto mal condotte. Gran parte delle indagini sono microscopiche dove il "ricercatore" ad occhio stabilisce che quel filamento non è di origine naturale. A fronte di ciò tutte le analisi condotte sulla composizione di questi filamenti hanno mostrato una composizione organica e in linea con sostanze naturali.
Ogni test aveva lo scopo di escludere che il filamento misterioso fosse tela di ragno e quindi a volte si utilizzava quest'ultima come confronto (molto spesso non si usava alcun confronto), il problema è capire se tutte le tele di ragno sono uguali sia chimicamente che visivamente. La risposta è chiaramente no, esistono tantissime tele di ragno fatte da altrettante specie di ragno. La tela per intrappolare gli insetti, che siamo abituati a vedere, non è che un esempio tra tantissimi altri. Alcuni saranno sorpresi dal fatto che le ragnatele non vengono usate solo per tendere trappole, alcune sono usate anche per cacciare, proteggere le uova, conservare le prede e migrare... risulta evidente che per così tanti scopi non possa esistere un solo tipo di tela uguale per tutti. Ad esempio la tela usata per la migrazione dei ragni (ballooning) è completamente diversa da quella usata per le comuni trappole che vediamo quotidianamente.


La cosa sorprendente è che Simone, grazie ad i suoi poteri paranormali, aveva previsto queste nuove 'apparizioni' in un suo post di Ottobre 2009:
...questa volta provo a fare una previsione: in un periodo variabile tra l'ultima settimana di Ottobre e i primi 10 giorni di Novembre faranno la loro usuale comparsa questi filamenti. Vediamo cosa comparirà in rete questa volta, quale teoria astrusa verrà sostenuta. Si accettano idee e proposte.
Previsione azzeccata al 100%!

Ma torniamo a Rosignano. Scrive la Stampa:
Al momento una risposta certa non c'e'. Alcuni filamenti sono stati recuperati da testimoni e inviati a Giovanna de Liso, che vive in Val Pellice ed e' una studiosa di fenomeni anomali e ufologici. Formatasi alla facoltà di Fisica di Torino, l'esperta ha già sottoposto i campioni ad alcuni accertamenti: «Analizzato immediatamente il materiale sotto l'aspetto di risposte fisiche ad alcuni parametri, non risulta radioattivo, non e' magnetico, irradiato da luce ultravioletta emette una debole luce blu scuro-viola». La studiosa ne ha inoltrato una parte a un ricercatore di Parma del Centro ufologico nazionale, Giorgio Pattera, per le analisi chimiche.

Visti gli esperti coinvolti, adesso faccio un previsione io: i filamenti di Rosignano sono SICURAMENTE di origine aliena.  E se ci troveranno dei ragni attaccati, saranno alieni anche quelli. Accetto scommesse…

Alla prossima!



Pubblicato su Il Novese, numero 41, Giovedì 19 Novembre 2009

PS: per completezza di informazione, riporto un paio di links 'ufologici', uno ad un articolo di EdicolaWeb, l'altro ad uno studio di Pattera.

domenica 15 novembre 2009

Il Forum delle bUFOle

Sono preda ad un attacco di onnipotenza, così ho deciso di creare un forum tutto mio... un forum pubblico dedicato a tutti quegli argomenti 'di confine', da affrontare con spirito critico, buona educazione, mente aperta.

Chi volesse partecipare dovrà registrarsi (gratuitamente) alla piattaforma FreeForumZone.

Come cantava Edoardo Bennato, io di risposte non ne ho. Ma magari, tutti insieme, qualcosa possiamo anche trovare....

Vi aspetto.

Clicca qui per registrarti

Clicca qui per effettuare il login

BufoleForum

domenica 8 novembre 2009

Grazie di cuore a tutti!




Cari lettori,
questo blog è nato l'otto Novembre del 2007, con un post sugli UFO. Sono passati già due anni!

In questi 24 mesi ho pubblicato 107 post, la maggior parte dei quali sono articoli pubblicati su Il Novese e l'Ovadese, che ringrazio di cuore per lo spazio dedicato alle mie 'bufole'. In qualche caso ho aggiunto pensieri personali o notizie lampo che mi sembravano interessanti.

Il 14 Gennaio 2008 ho anche aggiunto il conteggio degli accessi, tramite Shinystat, ed i numeri sono per me impressionanti: oltre 17.800 visite e 23.000 pagine viste. Sono numeri che mai avrei pensato di raggiungere con il mio 'blogghettino di provincia'!

Voglio quindi ringraziare tutti i miei fedeli lettori, e tutte le persone che, con i loro commenti, il loro aiuto, i tanti 'prestiti' di articoli, mi hanno aiutato a raggiungere questo traguardo, veramente importante.

Un grazie quindi a Paolo Attivissimo, al grande database del CICAP, ed a tutti i cicappini d'Italia, agli amici di Perle Complottiste ed a quelli di Undicisettembre, al medbunker WeWee, a Brainy, a Simone, a Francesco Grassi, a Orso, a Francesco Sblendorio, al Peyote, a Nico, a Gianni Comoretto, a eSSSe, a Biotecnologie, al CiSu, a NoviOnLine, a Silvano, a Michele Galloni, ed a tutti quelli che per cattiva memoria (ma che prima o poi aggiungerò) dimentico di citare.

GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE!


giovedì 5 novembre 2009

Come nasce una bUFOla!

Su La Stampa del 28 Ottobre è uscito un articolo che parla di un ‘uomo dei sogni’ che popola le notti di migliaia di persone in tutto il mondo. Ecco cosa dice l’articolo:
“Buonanotte, sogni d'oro. Nel mondo, tutte le sere, queste dolci parole risuonano nelle orecchie di milioni di persone. Ma le immagini che accompagnano il sonno sono le più differenti: viaggi, film, amori, sparatorie. Ognuno di noi, al risveglio, ha una storia diversa da raccontare. Spesso, però, il protagonista di questa "favola" è sempre lo stesso. Infatti, da tre anni a questa parte almeno duemila persone hanno sognato lo stesso uomo, senza sapere chi sia. Lineamenti morbidi, capelli corti, labbra sottili e sopracciglia folte e vicine: eccolo l'"uomo dei sogni". Nessuno sa come si chiami o da dove venga, ma tutti continuano a vederlo.

Nel 2006, scrive il quotidiano "Bild", una donna di New York ha raccontato al suo psichiatra di aver fatto uno strano sogno, con uno strano uomo. E fatto ancora più strano, l'uomo del sogno, tornava tutte le notti per darle consigli sulla sua vita. Così ha deciso di mettere nero su bianco il viso che insisteva a "perseguitarla". Il disegno, rimasto sulla scrivania del dottore, ha subito catturato l'attenzione di altri pazienti, che hanno rivelato di aver sognato anche loro quell'uomo. Lo specialista, quindi, ha inviato l’immagine ad alcuni colleghi e ha scoperto che la faccia dello sconosciuto ha infestato il sonno di migliaia di persone sparse per il mondo.

Il web non ha tardato ad accorgersi della stranezza e si è subito scatenato per risolvere il mistero. Chi è quell'uomo? E perché entra nei sogni di migliaia di persone? Così è nato un sito dedicato a questo personaggio. Su thisman.org tutti si interrogano e provano a dare delle spiegazioni, alcune davvero bizzarre.

Secondo qualcuno il volto dello sconosciuto farebbe parte di una specie di subconscio collettivo dove sono racchiuse tutte le esperienze, triste e felici, degli esseri umani. Altri, invece, ritengono che l’uomo sia l’incarnazione dei sogni. Questa affascinante ipotesi, è sicuramente la meno credibile dal punto di vista scientifico, ma è la preferita degli inguaribili sognatori. C'è anche chi crede che sia un essere umano capace di intrufolarsi nella mente degli altri e in qualche modo manipolarla. Dall'ufologia alla religione, le teorie non sembrano fare chiarezza. Gli scettici, comunque, ritengono possa essere un fenomeno casuale, una bufala o un semplice fenomeno di condizionamento. Chi sostiene di aver sognato l'uomo lo ha fatto nei modi più diversi: alcuni l'hanno immaginato vestito da Babbo Natale, altri l'hanno identificato come figura paterna e altri ancora come amante. Da Los Angeles a Roma, tutti cercano l'"uomo dei sogni" perché secondo Freud "tutto il materiale che costituisce il contenuto di un sogno è in qualche modo derivato dall'esperienza, cioè è stato riprodotto o ricordato nel sonno: questo almeno può essere considerato un fatto indiscusso". La caccia è aperta. Sogni d'oro e buona ricerca.”

Buona ricerca dunque. Ed è anche facile fare il primo controllo quando c’è un sito web di mezzo. Basta usare il sistema ‘whois’ che, dato un indirizzo web, ne riporta i dati di registrazione. Così troviamo che il sito ‘thisman.org’ è stato registrato dal sig. Andrea NATELLA, di Roma, il cui indirizzo e-mail è della società ‘Guerriglia Marketing’.
A questo punto andiamo a vedere il sito di questa società.

E troviamo una cosa molto interessante: il loro manifesto, che riporto in toto:
1. Guerriglia Marketing è un insieme di tecniche di comunicazione non convenzionale che consente di ottenere il massimo della visibilità con il minimo degli investimenti
2. Guerriglia Marketing concorre allo sviluppo delle strategie di mercato attraverso la messa in scena di pseudo-eventi concepiti in integrazione all'immagine dell'azienda
3. Guerriglia Marketing sfrutta il bisogno di novità dei mezzi comunicazione e la permeabilità dei suoi meccanismi per promuovere idee, marchi o prodotti
4. Guerriglia Marketing programma e inocula nel sistema media virus memetici in grado di autoreplicarsi nelle menti dei consumatori
5. Guerriglia Marketing è un processo di dissipazione della fiducia che il consumatore ancora ripone nell'economia nel suo complesso a vantaggio del successo di una singola impresa: la tua.

In pratica si tratta di una agenzia di pubblicità, specializzata in ‘campagne non convenzionali’, o forse solo una ‘provocazione artistica’

Ma tutta la storia, molto probabilmente, non è altro che un’invenzione, che dimostra ancora una volta quanto siamo suggestionabili.

Allora, avete sognato anche voi quest’uomo?

Alla prossima.

Ringrazio l’amico Michele Galloni per la segnalazione.


Pubblicato su Il Novese, numero 39, Giovedì 5 Novembre 2009

martedì 3 novembre 2009

Sulle tracce dell'uomo bufala



Mi permetto di riportare un bellissimo post tratto dal blog di Marco Catteneo, direttore responsabile della splendida rivista Le Scienze.


Buona lettura.

Da un paio di settimane a questa parte mi coglie una singolare forma di curiosità morbosa. Così, verso le dieci di sera, mi ritrovo rapito, in stato semi-ipnotico, non già da una nave extraterrestre, ma dalle diaboliche frequenze di Rai Due. Dura una mezz’ora, di solito, il catatonico stato di trance. Ma è bastato, in due puntate, a illuminarmi su svariati enigmi del mondo che ci circonda.

Lunedì scorso apprendevo, dalla voce eccitata del conduttore, quasi in delirio estatico davanti al fascino di quelle antiche rovine, che la civiltà preincaica che secondo gli archeologi fondò la città di Tiahuanaco, in Bolivia, nei primi secoli prima di Cristo, sarebbe da retrodatare al 10.500 a.C. – la data della scomparsa di Atlantide (?????????) – se non addirittura al 15.000 a.C., un’epoca di cui non ci resta alcuna traccia storica.
Alcuni studiosi (???) indipendenti ci facevano sapere, durante il servizio, che le datazioni arrivavano al massimo al 1500 a.C., ma ciò non spiegherebbe la peculiare posizione di Tiahuanaco, che sarebbe stata perfetta per rappresentare la posizione di alcune fondamentali costellazioni (???) proprio com’erano diciassettemila anni fa. E dunque – sintetizzando di molto le conclusioni – chissenefrega se i metodi scientifici di datazione ci dicono che Tihuanaco è di epoca romana (chissà perché non dicono mai che Roma l’hanno fondata gli extraterrestri ma per queste sceneggiature di serie B bisogna sempre cercare località esotiche…), se possiamo inventarci un bel mistero da somministrare ai telespettatori in fascia protetta?

Più tardi, dopo un breve servizio su un cannibale giapponese impunito (storia vera, l’abbiamo raccontata anche su “Mente&Cervello”), in chiusura di trasmissione (e del mio inappagabile stato di trance, raggiunto per di più senza l’uso di stupefacenti) arrivava il piatto forte della serata.

Eh sì. Toccava ai cerchi nel grano. Per l’occasione il bravo conduttore – con i suoi accenti sempre forti, avvincenti – ci portava in provincia di Cremona, in un campo di grano. Dove aveva allestito, con le risorse di mamma Rai, un bell’esperimento. Un ragazzotto inglese piuttosto sveglio e tre suoi amici avrebbero dimostrato, in poche ore, come si potevano fare meravigliosi cerchi nel grano con il solo ausilio di quattro assi di legno legate a una corda e trascinate a piedi da bipedi volonterosi.
Il servizio durava a lungo, ma era ben fatto. Quando alle sei del mattino le prima luci dell’alba hanno rischiarato la pianura padana il campo era solcato da una serie di archi perfettamente simmetrici, con le spighe perfettamente spianate, perfettamente realizzato da quattro esseri umani.
Mistero risolto, stava per dire il conduttore… E invece no, sennò che mistero è? Così ha intervistato l’autore, che spiegava tutto, anche l’anomalia di alcuni cerchi nel grano in cui si trovava materiale magnetizzato (un burlone che, per aggiungere un po’ di pepe, si dilettava di buttare unamanciata di limatura di ferro sulle sue opere). Ma lui no: dopo aver mostrato una foto sgranata degli anni cinquanta nelle vicinanze di una centrale elettrica tedesca, l’uomo dei misteri ci avvisava che l’enigma è ancora tutto da svelare (?????????).

Ieri sera lo stato di grazia è durato meno. Una mezz’ora scarsa. Quanto basta per godersi il servizio “Sulle tracce dell’uomo-falena”, improbabile storia di un essere umano alato e dalle abitudini notturne che nelle brumose serate invernali del 1966 avrebbe spaventato a morte gli abitanti di una cittadina del West Virginia. E fin qui, niente di male. La noia mortale della provincia americana può pur fare brutti scherzi.
Le rogne cominciano quando l’uomo-falena viene avvistato nelle vicinanze di un ponte prima che crolli. E proseguono quando il nostro eroe fa capolino nell’aprile 1986 nientemeno che a Chernobyl (ne ha fatta di strada il ragazzo…). Secondo il servizio, “impiegati della centrale avrebbero visto un enorme uccello nero, con ali larghe sette metri, volteggiare tra i fumi tossici”. O tra i fumi della vodka, chi può dirlo…

Non contento, qualche anno dopo l’uomo-falena (o un suo simile) torna verso casa, per spuntare proprio dietro le torri del World Trade Center in una fotografia “apparentemente inspiegabile” . Il caso vuole, ma tu guarda, che sia proprio l’11 settembre 2001, l’evento più fotografato e registrato della storia: strano che in nessun’altra immagine al mondo compaia il lepidottero maledetto. Non sarebbe il caso di chiedere spiegazioni al burlone (e anche di pessimo gusto) che ha taroccato la foto? Invece nel servizio una surreale testimonianza ci informa che un tale “in contatto con l’uomo-falena” era stato da quest’ultimo informato già nel 1967 del crollo delle torri gemelle: le quali, per la cronaca, non erano ancora state costruite. La fine dei lavori avvenne solo nel 1973.
Pensa tu che visione, mi sono detto, mentre il divano cominciava a volteggiare per la stanza…

In chiusura del servizio mi commuovo quasi, alla vista del conduttore, emozionato, che si augura con voce grave che l’umanità non debba più rivedere all’opera l’uomo-falena, mentre passeggia disinvolto tra le lapidi del cimitero di Point Pleasant. luogo del primo avvistamento.

Per questa paccottiglia al confine non già della conoscenza, come recita il sottotitolo di Voyager, ma tra il paganesimo, la superstizione e il pensiero magico, la Rai investe una parte del canone che annualmente versano i contribuenti. Con, in più, quella sottile truffa semantica della parola “conoscenza” nel titolo. Quasi a suggerire che ci sia un fondamento scientifico, una base solida a cui affidarsi e di cui fidarsi.

Questa sbobba, secondo l’Auditel, se la sorbiscono ogni lunedì sera due milioni e mezzo di italiani, in barba a secoli di pensiero razionale, di indagine scientifica, di metodo galileiano. E forse è per questo che la rete ha deciso di premiare il conduttore con la nomina a vice direttore di Rai Due. Gli ascolti pagano, si vede. Ma dal 2009, si legge nei titoli di coda, Voyager riceve anche il Patrocinio del Ministero dei beni culturali. Quel palazzaccio sul Lungotevere da cui il titolare, Sandro Bondi, taglia fondi su fondi alla cultura italiana. E invece Voyager riceve il patrocinio, in qualità di trasmissione di divulgazione culturale.

Se qualcuno riesce a spiegarmi il nesso tra Voyager e la cultura, giuro che vado dal mio psichiatra, prendo il metadone e già tra due lunedì smetto di vedere Rai Due.

P.S. Intanto, per vedere se riesco a disintossicarmi senza aiutini esterni, domani mi rivedo Religioulous, alle 23.00 su Cult.

lunedì 2 novembre 2009

Ancora su Apollo 20...

... si, lo so, non esiste, se non in qualche mente bacata, ma tanto per dare qualche dato per zittire chi ne parla (a vanvera) vi indirizzo ad un post di Complotti Lunari.

Buona lettura

A proposito di influenza...

Vorrei condividere con i miei lettori una nota ricevuta da WeWee, un medico che scrive un blog (MedBunker) di quelli 'da leggere', relativamente al problema vaccinazioni.



Buona lettura.
(Post modificato 8-11-2009)


L'influenza stagionale, quella che arriva ogni anno, è causata da un virus (anche il raffreddore è causato da un virus). Ognuno di noi, per vari motivi, ha dei sintomi differenti: banali o gravissimi. Fortunatamente la maggioranza dei contagiati sviluppa dei sintomi banali (raffreddore, tosse, mal di gola...). In alcuni casi anche una persona perfettamente sana può sviluppare gravi sintomi anche letali. L'insufficienza respiratoria, ad esempio, è relativamente frequente e se è risolvibile con dei farmaci in una persona senza particolari problemi, diventa un serio rischio per chi (anziano, malato, debole, in gravidanza...) fa parte di certe categorie a rischio. Quindi:

- La vaccinazione per chi non appartiene a categorie a rischio è una scelta personale che non ha particolari vantaggi se non quello di evitare probabilmente il contagio.
-La vaccinazione per chi fa parte di una categoria a rischio è un rimedio che può salvare la vita o evitare complicazioni molto gravi.

Tanto per essere chiari: nella mia vita di medico ho visto almeno una decina di persone "morire per influenza", tutte appartenenti a categorie a rischio.

L'influenza "suina" ovvero causata dal virus H1N1 è attualmente una "normale" influenza e quindi segue le regole delle influenze stagionali. Se il virus dovesse "mutare" i pericoli sarebbero enormemente maggiori ed i vaccini attualmente disponibili potrebbero essere inefficaci. La mutazione del virus è un evento possibile ma non obbligatorio. E' l'evenienza più grave.

Il vaccino: è stato testato come tutti i farmaci. Ha effetti collaterali ed avversi come tutti i farmaci. Non è vero che "indebolisce" le difese, sarebbe come dire che l'acqua asciuga. Un vaccino AUMENTA le difese immunitarie.
Vaccinarsi NON espone a rischi superiori ai benefici, naturalmente e finora non ho trovato una sola affermazione terroristica di quelle diffuse nel web meritevole di attenzione. Persino il caso della ragazza americana che dopo il vaccino avrebbe sviluppato una "distonia" (evento che non sarebbe di per se particolarmente significativo perchè potrei mostrarvi il caso della ragazza che ha sviluppato una tetraparesi da ipossia cerebrale dopo ingestione di mandorle da un panettone a Natale) sarebbe falso e manipolato (ho delle fonti ma non sto qui ad allungare il brodo).

QUALSIASI farmaco ha degli effetti collaterali e la sua utilità è proprio nei benefici che superano di gran lunga gli eventuali danni. Si rifletta solo un attimo a quante persone sono state vaccinate nel mondo in questi anni. Non mi pare di aver assistito ad una strage o ad un aumento delle malattie da farmaci.

Se una persona appartiene ad una categoria a rischio, la vaccinazione è un'ottima opportunità per proteggersi (ma MAI al 100%) da complicazioni gravi, non ci si vaccina per "non stare 5 giorni a letto" ma per "evitare di morire per un raffreddore". Se una persona NON appartiene a categorie a rischio non è consigliabile la vaccinazione tranne esigenze o bisogni personali.

In ogni caso si tratta di scelte personali, immagino però che tanti tra gli antivaccinisti che dovessero in quei rari casi subire conseguenze serie dall'influenza denuncerebbero "gravi lacune nell'informazione" perchè "nessuno li ha avvertiti dei potenziali pericoli del virus".
Mi pare tutto...o no?

Aggiunte dell'8-11-2009.
In seguito ad un commento che ho ricevuto dove viene citato l'autismo, aggiungo ulteriori informazioni sull'argomento (sempre grazie a WeeWe).
Esistono tonnellate di studi e di review che escludono il collegamento mercurio/autismo, è una bufala ormai abbandonata dagli stessi complottisti americani (in Italia arriviamo in ritardo) anche perchè è sotto gli occhi di tutti il fatto che nonostante il mercurio stia scomparendo dai vaccini i casi di autismo aumentano vertiginosamente.

Puoi leggere questo lavoro canadese (quasi 28.000 bambini studiati) che smentisce ogni collegamento: http://pediatrics.aappublications.org/cgi/content/abstract/118/1/e139

Qui l'Istituto di Medicina statunitense (IOM), pubblica i risultati di una review sul collegamento tra vaccinazione trivalente (morbillo-parotite-rosolia contenente thimerosal ossia derivati del mercurio) ed autismo, smentito:
http://www.iom.edu/en/Reports/2004/Immunization-Safety-Review-Vaccines-and-Autism.aspx

...e qui il CDC (Control disease Center) di Atlanta, il corrispondente statunitense del nostro Istituto superiore di sanità, sottoscrive quelle conclusioni:
http://www.cdc.gov/vaccinesafety/Concerns/Autism/Index.html

Che poi riconferma qua: http://www.cdc.gov/ncbddd/autism/topics.html

Qui la pagina delle FAQ dell'OMS (le FAQ sono tante ma c'è pure la risposta relativa al mercurio nei vaccini):
http://www.who.int/csr/disease/swineflu/frequently_asked_questions/vaccine_preparedness/safety_approval/en/index.html

Alcuni studi tra le decine esistenti, che negano il collegamento tra vaccini con mercurio e malattie di tipo autistico o di altro tipo:
Qui, qui e qui.
Una review, qui.

Spero possa bastare, ma di studi ne sono stati fatti a centinaia e basta cercare nelle banche dati, c'è solo l'imbarazzo della scelta.

lunedì 26 ottobre 2009

Il Disinformatico: Due parole su Mistero

Cari lettori,
ieri sera la TV italiana, che già aveva toccato il fondo, si è messa a scavare, ma con entusiasmo!

Il Disinformatico: Due parole su <i>Mistero</I>

Se poi volete informazioni sull'Apollo 20 (reale come Apelle, figlio di Apollo, che fece una palla di pelle di pollo... scusate la battutaccia, ma certe trasmissioni non meritano altro...) andate a vedere il sito di Complotti Lunari.

A presto

venerdì 23 ottobre 2009

Tizio o Caio vi sono antipatici? Eliminateli (legalmente).

Oddio, Claudio è impazzito ed è diventato violento....

No, non sono impazzito. Questo vuole essere un suggerimento incruento per sfogare il risentimento che tutti possiamo avere per questo o quel politico, o calciatore, o attrice, o vicino di casa, o ortaggio, senza organizzare gruppi Feisbuk 'Io odio la carota' ne atti vandalici nell'orto del vicino, e senza rischio di essere inquisiti... Vantaggio aggiuntivo è che lo potete ripetere quante volte volete!

Prerequisito è avere un PC. Sicuramente il sistema funziona con i sistemi operativi di casa Microsoft, ma penso possa funzionare anche con MAC o LINUX.

Primo passo: create una cartella vuota, con il nome della cosa o persona che detestate.


Secondo passo: verificate di avere il cestino vuoto.

Terzo passo: CANCELLATE la cartella.

Quarto passo: svuotate il cestino. Vi apparirà un messaggio molto 'cruento'.

Voi, con infinita soddisfazione e sadica lentezza, premete il bottone 'SI'!

ABBASSO LA VIOLENZA!

Alla prossima!

giovedì 22 ottobre 2009

Aderite al CICAP... e accendete la vostra curiosità


«Tutti, e in particolare i giovani, potranno trovare nel CICAP un modo per esercitare la loro creatività e la loro capacità critica. E’ una palestra intellettuale estremamente stimolante, che consente di capire molte cose, non solo sul metodo scientifico, ma anche sulla natura umana».
Piero Angela

Se i misteri ti affascinano e ti incuriosiscono, se ti diverte e ti appassiona capire il mondo e la natura, se non vuoi cadere vittima di illusioni e inganni, se insomma anche tu vuoi "accendere" la tua curiosità il CICAP è l'associazione che fa per te!

Chiunque, indipendentemente da età, professione o titoli di studio, può aderire al CICAP. E può partecipare alle sue attività godendo inoltre di alcuni vantaggi.

I Soci possono:
  • Prendere parte all'Assemblea Nazionale, che si riunisce una volta l'anno per definire obiettivi e progetti del Comitato.
  • Dare vita a un Gruppo locale, dove non esiste, o partecipare alle attività di quelli già esistenti. 
  • Diventare Antenne a livello cittadino. 
  • Seguire Corsi di approfondimento dedicati, per esempio, alle tecniche per parlare in pubblico, alla gestione di un gruppo locale o al modo più efficace per trattare con i media.
  • Partecipare a gite, viaggi ed escursioni riservate ai Soci CICAP. 
  • Usufruire di sconti speciali (sulle pubblicazioni del Comitato, sui Convegni, sul Corso per investigatori di misteri...) 
  • Ricevere un "welcome pack" con tanto di tessera, statuto, vademecum del socio, adesivo, spilla e altri possibili gadget. 
  • Ricevere un regalo a sorpresa nel corso dell'anno.
Ma, soprattutto, i Soci del CICAP contribuiscono a contrastare la tendenza all'irrazionalità, alla superstizione e al pregiudizio. Semplicemente aderendo al CICAP (e rinnovando a scadenza la propria adesione) contribuisci, infatti, al finanziamento delle numerose iniziative e attività intraprese dal Comitato a questi scopi. Gioverà infatti ricordare che il CICAP non riceve nessun tipo di finanziamento pubblico, privato né tantomeno "occulto" (come suggeriscono certe leggende metropolitane).

Leggi qui perché è importante aderire al CICAP secondo alcuni dei Soci Onorari e Garanti Scientifici del Comitato come Rita Levi Montalcini, Umberto Eco, Margherita Hack e Umberto Veronesi.


Per tutte le informazioni, clicca qui.

Ciao!


giovedì 15 ottobre 2009

Ma guarda che ci vedo!


E’ una bella giornata estiva. Siamo sdraiati in un prato, guardando le nuvole che corrono veloci sopra di noi. Ehi, guarda quella, sembra proprio un cane! E quella invece sembra il profilo di Luca!

Quello di trovare forme nelle nuvole è un gioco che abbiamo fatto tutti, e si basa sull’incredibile capacità che ha il cervello umano di riconoscere le forme, e che laboratori informatici di tutto il mondo tentano da anni di replicare nei computer con scarsi successi.

Questa capacità visiva si è sviluppata negli animali poiché essere in grado di riconoscere rapidamente e bene le forme, anche nascoste, permette di trovare cibo o di sfuggire ai predatori più facilmente.

Questo ‘potere’ ci permette di riconoscere gli amici, e di trovare la penna che cerchiamo nella confusione del nostro cassetto.

Per contro, può succedere che questa innata capacità ci inganni, facendoci vedere cose che non esistono. Per l’appunto, quel bellissimo elefante che sta passando adesso in cielo! Guarda, la proboscide e le zanne!

Questo effetto, ben conosciuto in letteratura medica, si chiama PAREIDOLIA. I concetti di fisiologia della visione che sono alla base di questo fenomeno sono anche ampiamente usati dai prestigiatori e dai pubblicitari – si frutta la capacità del nostro cervello di vedere forme anche dove non ci sono per ‘ingannarci’.

Un esempio molto famoso di pareidolia è la famosa ‘Faccia di Marte’. Quando, il 25 luglio 1976, la sonda spaziale Viking 1 inviò sulla Terra le immagini della regione marziana di Cydonia, molti saltarono sulle loro sedie. Su una piana rocciosa, si distingueva chiaramente la sagoma di un volto. La "faccia di Marte" si trovò rapidamente al centro di un dibattito tra chi la considerava opera di un'antica civiltà vissuta sul Pianeta rosso e chi invece riteneva che fosse solamente il frutto di un gioco di luci. La sonda dell'Agenzia spaziale europea Marx Express ha dato un prezioso contributo alla soluzione dell'enigma, mettendo a disposizione degli scienziati delle fotografie spettacolari.

Gli scatti e le elaborazioni tridimensionali al computer non lasciano dubbi. La "faccia" è solamente una particolare formazione montuosa, uno scherzo dell'erosione. Vista da altre angolazioni, con un'illuminazione differente e con una maggiore risoluzione, tra l'altro, è molto meno simile a un volto umano.

Ma Marte sembra prendersi gioco di noi. Dopo i ‘canali’, e dopo aver cancellato la misteriosa Faccia dalla sua superficie ecco apparire l'impronta di un teschio, proprio poco sopra la ormai evanescente Faccia. Si vedono davvero i lobi oculari, gli zigomi e addirittura il taglio della bocca con un'espressione triste. E come è possibile che fino ad oggi nessuno lo aveva notato? Che i marziani l'abbiano scolpito in fretta e furia vista la nostra incredulità di fronte alla faccia? No, ovviamente, nulla di tutto questo.

Il fatto che non era stato visto fino ad oggi lo si spiega semplicemente facendo presente che la regione non era mai stata fotografata con l'inclinazione dei raggi solari come quelli che erano presenti quando l'ha fotografata la sonda dell'Agenzia Spaziale Europea. Se Mars Express fosse arrivata sul posto anche mezzora dopo o prima rispetto al momento in cui vi è arrivata quel teschio sarebbe rimasto "sepolto" tra le sabbie dei deserti di Marte per molti anni ancora.

Ma lasciamo il pianeta rosso e le sue illusioni ottiche per tornare sulla Terra, dove gli esempi non mancano, anche nel mondo animale. Come nelle farfalle, che sulle ali sfoggiano disegni che ricordano degli occhi. Disegni sviluppati a scopo di mimetismo e difesa, ad indicare che anche gli animali sono soggetti alla pareidolia.


C’è anche un altro tipo di immagini, che risultano più controverse: quelle collegate alla religione. Così come possiamo vedere un elefante in una nuvola, accade che in una macchia di umidità, in una foto sfocata, in un riflesso, o in un tortiglia, si distinguano i lineamenti di Gesù, oppure della Madonna, o di San Pio da Pietralcina. In questi casi i credenti invocano l’intervento miracoloso, spesso iniziando vere e proprie processioni per venerare queste immagini, su cui la Chiesa in genere non prende posizione.

Senza voler mettere in discussione la fede dei miei lettori, mi chiedo che cosa pensare di un toast  con la faccia di Freddy Mercury….

Alla prossima!

Pubblicato su Il Novese, numero 36, Giovedì 15 Ottobre 2009

giovedì 8 ottobre 2009

La NASA dice la sua sul 2012 e sul pianeta Nibiru


Vorrei segnalare ai miei lettori un bellissimo post di Paolo Attivissimo, che riporta la 'pagina antisfiga' preparata dalla NASA per smontare le tante (troppe!) bufale sul Nibiru e sul 2012.

Tra le tante notizie interessanti, c'è una frase che mi fa veramente morire, ed è nella risposta alla domanda 9:

9. Perché il calendario Maya dice che il mondo finirà nel 2012? Ho sentito che sono stati piuttosto precisi in passato con le loro altre previsioni planetarie. Come potete essere sicuri di saperne più di loro?

I calendari esistono per tenere traccia del passare del tempo, non per prevedere il futuro. Gli astronomi Maya erano bravi e svilupparono un calendario molto complesso. I calendari antichi sono interessanti per gli storici, ma non possono competere con la capacità che abbiamo oggi di tenere traccia del tempo o con la precisione dei calendari che usiamo adesso.

Il concetto principale, però, è che i calendari, che siano contemporanei o antichi, non possono predire il futuro del nostro pianeta o avvisarci di cosa succederà in una data specifica come il 2012.

Vorrei far notare che il mio calendario sulla scrivania finisce molto prima, il 31 dicembre 2009, eppure non interpreto questo fatto come una previsione dell'Armageddon. E' semplicemente l'inizio di un nuovo anno.

Alla prossima!

mercoledì 7 ottobre 2009

La Sindone riprodotta da Garlaschelli


Articolo modificato il 12/10/2009
 
Lo scorso 5 Ottobre La Repubblica ha pubblicato in anteprima i risulati di un esperimento condotto da Luigi Garlaschelli del CICAP, che è riuscito a replicare, con tecniche disponibili nel 1300, le caratteristiche della Sindone custodita a Torino.

La presentazione ufficiale del lavoro sarà fatta Sabato 10 Ottobre ad Abano, in occasione del XI Convegno del CICAP.

A questo link un post di Simone Angioni, che ha collaborato al lavoro di Garlaschelli.

Da questo link si può scaricare l'articolo di Repubblica (grazie a Gianfranco D'Elia ed a Antonio Lombatti).

A questo link la prima parte di un interessante articolo che spiega diversi retroscena della Sindone. E qui la seconda parte.

Buona lettura

giovedì 1 ottobre 2009

Mazzucco e i funghi di Tullio Simoncini


 Come avevo anticipato, torno a parlare di Massimo Mazzucco e del suo sito Luogocomune. Fortunatamente posso pescare nel mare di ‘perle’ da lui prodotte, efficacemente descritte nel blog di Perle Complottiste, e quindi mi resta solo da scegliere un esempio tra i tanti e fare un piccolo riassunto.

Per esempio, Mazzucco sostiene e propaganda le tesi di Tullio Simoncini, ex medico radiato dall'albo che afferma di curare il cancro con il bicarbonato. Al riguardo, lo scorso 10 Settembre, gli amici di Perle Complottiste hanno scritto:

“Attraverso una serie di veri e propri falsi ottenuti manipolando immagini e testimonianze, e spacciati per clamorosi "video verità", Mazzucco tenta di convincere lettori e incauti visitatori che il cancro è un semplice fungo, e quindi basta un po' di bicarbonato per debellarlo.

Poco importa che lo stesso Simoncini abbia ammesso di non essersi mai preso la briga di cercare con un microscopio la presenza del fantomatico fungo: il ciarlatano è troppo sicuro di sé e sprezzante della sorte delle sue povere vittime per degnarsi di cercare le prove di quanto va farneticando.

Mazzucco ha spazzato via dal suo sito chiunque abbia osato criticare le posizioni di Simoncini o sollevare dubbi sull'autenticità e validità dei video confezionati per propagandarne le teorie: numerosi utenti, compresi medici e iscritti storici del sito, sono stati bannati e cacciati senza tanti convenevoli.

Era fin troppo chiaro che l'interesse e la pubblicità di Mazzucco per le teorie omicide di Simoncini non potevano essere ispirate a semplici rapporti di simpatia e amicizia tra ciarlatani di vecchia data: quando Mazzucco fa qualcosa, lo fa per raccattare qualcos'altro. Soldi, in particolare. (…)

WeWee, un medico che ha deciso di svelare le menzogne che si celano dietro le baggianate di Simoncini e altri contafrottole che giocano con la salute della gente, ha scoperto un tassello importante nella vicenda: il sito tulliosimoncini.com è infatti intestato a Massimo Mazzucco! Insomma, pare proprio che Massimo sia un vero e proprio agente commerciale di Simoncini.

"Welcome to Dr. Tullio Simoncini's Official Web Site”, attraverso cui Simoncini propina e vende le sue cure "miracolose" ai poveri malati di cancro, risponde quindi a Massimo Mazzucco. Perfino la mail Redazzucco (Redazione Mazzucco) è proprio la sua, la mail di redazione del sito Luogocomune.

Del resto, Mazzucco non si fa problemi a pubblicizzare e vendere i libri di Simoncini sul proprio sito, definendo il ciarlatano come "oncologo italiano". La cosa sarebbe di sicuro interesse per la giustizia penale, non fosse che Mazzucco se ne tiene ben lontano (vive a Los Angeles...).

Insomma, pare proprio che Mazzucco sia un vero e proprio agente commerciale di Simoncini.
Un pugno di dollari ben vale - evidentemente - la vita e le speranze di poveri malati di cancro, con la complicità, consapevole o meno, di tutti i vari "fan" che contribuiscono a dare visibilità al sito Luogocomune, canale privilegiato per questa vergognosa pubblicità.”

Approfitto per dare qualche informazione sul ‘metodo Simoncini’: dato che (dice lui) dove c'è un tumore c'è sempre presenza di Candida (un fungo), ne deriva che la Candida è responsabile dei tumori. Dato che il bicarbonato (dice sempre lui) è il miglior modo per combattere la Candida, basta assumere bicarbonato nelle giuste dosi e la Candida (quindi il tumore) può guarire! Simoncini sostiene anche che il suo metodo ha un'efficacia che va dal 70 al 90% e lo propone ai suoi pazienti al prezzo stracciato di 10.000 euro (spese di ricovero escluse).

Peccato, però, che Simoncini non sia creduto non solo all'interno della comunità medica e scientifica - tant'è che è stato radiato dall'albo (anche se si fa ancora chiamare Dottore) e condannato penalmente - ma neppure da chi esamini attentamente la logica e i fatti che contraddicono impietosamente la sua tesi.

Infatti:
1. Se i tumori fossero sempre dovuti al fungo, l'infezione da Candida dovrebbe puntualmente provocare la comparsa di tumori, ma questo non succede;
2. Se la Candida fosse il tumore stesso, le cellule cancerose dovrebbero avere sempre le stesse caratteristiche, ma non è così;
3. Se la teoria fosse fondata, i tessuti colpiti da tumore dovrebbero risultare sempre infestati dalla Candida, ma l'analisi microscopica non rivela nulla del genere;
4. Se Simoncini avesse ragione, i farmaci anti-micotici dovrebbero causare la remissione del tumore, ma questo non accade;
5. La Candida è solo uno dei tanti agenti patogeni esistenti: in base a quale criterio (escludendo quello arbitrario di Simoncini) solo la Candida dovrebbe possedere questi misteriosi super poteri e, al contrario, gli altri agenti patogeni ne sarebbero sprovvisti?

Insomma, si tratta di un metodo senza basi e senza efficacia. Comprensibilmente chi è malato insegue ogni speranza, anche la più vana, e purtroppo c’è chi su queste speranze ci specula.

Per ulteriori informazioni vi consiglio di leggere i blog Perle Complottiste  e Medbunker - Le scomode verità.

Alla prossima!

Pubblicato su Il Novese, numero 34, Giovedì 1 Ottobre 2009

venerdì 25 settembre 2009

Le foto dei DVD

Nei commenti del post precedente, Zanzara ha scritto di aver visto i DVD di Mazzucco in vendita in un supermercato, al prezzo di ben 4 € (ma dalle foto si vede che il prezzo è di 9.99... che bugiardo!).

Siccome l'utente Long John (aggiornamento: dopo aver visto le foto Long John ha chiesto scusa) gli ha dato del bugiardo, Zanzara (su mia richiesta) ha fatto le foto dei DVD nello scaffale e me le ha mandate. Si tratta de 'Il nuovo secolo Americano' e di 'Il Grande Complotto', entrambi di Massimo Mazzucco, come giustamente detto da Zanzara.

Tra l'altro, una domanda nasce spontanea: se a Mazzucco l'America piace così poco (almeno così pare dai suoi scritti e dai suoi film), perchè ci vive???

Un paio di queste foto le vedete nel post, mentre se volete le 6 foto full size, le potete scaricare da qui.

Saluti

giovedì 24 settembre 2009

E’ solo un luogo comune….


Mi è capitato di ricevere alcuni commenti che citavano le opere di Massimo Mazzucco quale ‘altra opinione’ rispetto a quanto da me sostenuto. Ebbene, vorrei portare all’attenzione dei miei lettori alcuni dati relativi a questo personaggio, che mi spingono a diffidare delle sue teorie.

Ex regista, vive a Los Angeles, da dove gestisce il sito www.luogocomune.net. In questo sito si parla di tante teorie alternative, e Mazzucco si vanta di essere "uno dei maggiori esperti in Italia fra chi critica la versione ufficiale dell’undici settembre".  Tanto esperto, e tanto democratico, da aver bannato dal suo sito tutti quelli (come Paolo Attivissimo) che gli facevano notare le tante incoerenze ed i tanti errori nelle sue teorie.

In questi giorni, in seguito all’attentato di Kabul che ha visto la morte di 6 nostri soldati, sul suo sito sono apparsi commenti (non censurati, ovvio) di questo tenore:
"Potrei sembrarvi un cinico e bastardo, ma a me non fanno nessuna pietà. Anzi. Si stanno sbracciando per questi 6 mentecatti morti, mentre invece hanno ignorato smaccatamente i 90 morti civili di qualche settimana fa sempre in Afghanistan. Quei militari erano in guerra (altro che missione di pace), che pretendevano? Pensavano che la guerra fosse una partita a briscola?"
Non è la prima volta che su luogo comune si possono leggere commenti di questo tipo, e lascio a voi ogni considerazione al riguardo.

Ma torniamo alle teorie sull’undici settembre.  Pare che Mazzucco stia preparando un nuovo video, presentando nuove teorie. Probabilmente le vendite di quello vecchio (si, vendite) non vanno tanto bene, e quindi bisogna rinnovare il catalogo – deve pur mangiare anche lui!

Per darsi un’immagine ‘super partes’ ha offerto a Paolo Attivissimo (si, quello che ha bannato dal suo sito) di ospitare nel suo nuovo video una parte dedicata alle ‘teorie ufficiali’. Offerta ovviamente caduta nel vuoto, visti i precedenti.

Allora Mazzucco ha pubblicato ’12 domande’, pretendendo una risposta da Attivissimo. Il quale ha risposto in questopost, considerando anche che essendo bannato, non può rispondere su Luogocomune.

L'articolo di Paolo è del 16 settembre. Eppure, il 18 settembre Mazzucco – a chi gli chiedeva se era giunta risposta da Attivissimo – ha risposto:   "No. Se lo facesse, pubblicherei immediatamente la sua risposta".

Nel frattempo però, sul forum http://space.crono911.net, l’utente John (collaboratore del sito http://undicisettembre.blogspot.com) ha fatto dei  commenti ironici sulle domande di Mazzucco, evidenziando quanto esse siano inutili, fuorvianti e basate su premesse false e illogiche.

Mazzucco che ha fatto? Si è inventato dodici risposte, spacciandole per la risposta di John alle sue domande, citando una corrispondenza avuta con lo stesso. John nega l’esistenza di questo scambio, ed in un articolo su undicisettembre scrive:
Scorrettezza e menzogna, e poi Mazzucco si meraviglia che nessuno gli dia corda. Ma in questa vicenda saltano fuori due affermazioni che la dicono lunga su quanto egli sia "uno dei massimi esperti" complottisti. Nella sua "controrisposta" alla domanda "9B", infatti, parla di "3 anelli di cemento armato" che sarebbero stati "perforati" dal volo American 77, al Pentagono. Dopo otto anni, Mazzucco ancora ignora che il Pentagono, ai piani in cui fu colpito dal velivolo, non è composto da tre anelli. Il Pentagono, infatti, forma anelli separati soltanto ai piani superiori: al piano terra e al primo piano, ossia i livelli colpiti, i tre anelli esterni sono in realtà un volume unico.

Scrive ancora John::
Poi, tra i commenti nel suo blog, quando l'utente Ashoka parla del passaporto di uno dei dirottatori rinvenuto in strada dopo l'impatto del volo American 11 contro la North Tower di New York – circostanza anche questa nota da otto anni e al centro di innumerevoli diatribe tra complottisti e debunker, citata praticamente in tutti i testi e i servizi che parlano di 11 settembre compresi numerosi documenti – Mazzucco è sorpreso dalla "notizia":   "ASHOKA quel passaporto mi mancava. Se poi è stato ritrovato prima del crollo, significa che è "volato via" al momento dell'impatto. Forse Al Suqami lo teneva in mano, con la mano fuori dal finestrino (pensava di essere al valico di Chiasso, in macchina, e non in aereo a New York).   Mi metteresti il link alla notizia, se ce l'hai sottomano?    Grazie."
E questo signore sarebbe uno dei "massimi esperti" di critiche alla "versione ufficiale" dell'11 settembre? Suvvia...


Vi rimando ai siti citati per ulteriori informazioni.

In una prossima puntata vi parlerò di un altro ‘cavallo di battaglia’ di Mazzucco, la famigerata ‘cura Simoncini’.

Alla prossima

Pubblicato su Il Novese, numero 33, Giovedì 24 Settembre 2009

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...