giovedì 15 aprile 2010

Curiosità da Colonia

Sono appena tornato dalla terra teutonica, dove ho avuto (incredibile....) anche il tempo di fare il turista, e di gironzolare un paio d'ore a Colonia.

In questa foto potete ammirare un panaroma serale sul Reno, con la cattedrale di Colonia sullo sfondo.

Sulla destra potete vedere un ponte ferroviario, lungo oltre 400 metri, con una corsia pedonale: Hohenzollernbrücke.

A dividere la ferrovia dai pedoni (e dai ciclisti, ho rischiato de essere messo sotto un paio di volte) c'è una cancellata... il Ponte Milvio Germanico! Per tutta la lunghezza del ponte, ed in particolare all'altezza delle giunzioni, non si contano i lucchetti messi per celebrare eterni amori...


  e non solo lucchetti, i fabbri locali si sbizzarriscono, con teutonica fantasia!


Ma l'efficienza tedesca di distingue sempre. Diversi lucchetti sono perfettamente incisi, infatti possono essere ordinati, anche via internet, a ditte specializzate che li forniscono in varie fogge e colori con la scritta desiderata.
Alla prossima!

sabato 10 aprile 2010

Ancora sulla Sindone

Va bene, ho capito che a Torino è cominciata l'ostensione della Sindone, e che 2 milioni di pellegrini sono una notizia.
Ma per cortesia, basta dire che la scienza non può spiegare, basta affermare senza contraddittorio che il lino risale al primo secolo, basta dire che è senza ombra di dubbio un miracolo.
Se Porta a Porta fa una puntata sull'argomento, sarebbe quantomeno carino (se non giornalisticamente corretto) invitare anche qualcuno di quei poveri tapini che NON vivono vendendo libri sulla Sindone.
Nei diversi servizi dei TG, ogni tanto ditelo che il lino è stato esaminato e che il responso è chiaro ed incontrovertibile: è un falso del 1300. E che si tratti di un falso fu pure certificato da una bolla papale dell'epoca.
E' inutile che i Barberis, i Baima Bollone continuino ad arrampicarsi sugli specchi per cercare di mettere in dubbio dei risultati chiari e certi.


Volete credere al miracolo? Nessuno lo impedisce. Questo telo da un forte impatto emotivo? Nessuno lo nega.

Ma per cortesia non negate l'evidenza dei fatti. E non coltivate la credulità popolare.

Grazie

Per altre informazioni, qui e qui.

venerdì 9 aprile 2010

Titan(ic)


Forse non tutti sanno che il Titanic era già affondato una prima volta. Ben 11 anni prima che ne cominciasse la costruzione! Naturalmente non nella realtà, ma nella fantasia dello scrittore Morgan Robertson, autore di molti racconti a tema marinaro.

Il suo romanzo del 1898 Futility, che potete trovare qui nell'edizione integrale del 1912, o in questa pagina del Progetto Gutemberg, racconta infatti l'avvincente storia del Titan, senza "ic", la più grande nave del mondo, considerata inaffondabile. Sfortuna volle però che il Titan affondasse invece ad opera di un iceberg, nel nord Atlantico.

E le similitudini fra il Titan di Robertson e il Titanic della White Star Line non finiscono qui:

- Il Titan viene costruito in Inghilterra.
- Il Titanic fu costruito in Gran Bretagna, a Belfast

- Il Titan è la più grande nave del mondo: 244 metri di lunghezza per 45.000 (70.000, ed. 1912) tonnellate di dislocamento, considerata "inaffondabile".
- Il Titanic era il più grande transatlantico del mondo: 269 metri di lunghezza per 52.000 tonnellate di dislocamento, considerata "inaffondabile".

- Il Titan è euipaggiato con 3 eliche e due alberi, mossi da 40.000 (75.000, ed.1912) cavalli vapore.
- Il Titanic era equipaggiato con 3 eliche e due alberi, mossi da 46.000 cavalli vapore.

- Il Titan ha ben 19 compartimenti stagni, con 92 porte stagne.
- Il Titanic aveva 16 compartimenti stagni.

- Il Titan porta "il minimo legale" di 24 scialuppe, meno della metà necessarie per le 3.000 persone imbarcabili.
- Il Titanic portava 20 scialuppe, meno della metà necessarie per le 3.500 persone imbarcabili.

- Il Titan colpisce un iceberg a tribordo, a 25 nodi di velocità, a 400 miglia da Terranova, verso la mezzanotte.
- Il Titanic colpì un iceberg a tribordo, 23 nodi di velocità, la notte del 14 aprile 1912 nel nord Atlantico, a 400 miglia da Terranova, alle 23.40.

- Il Titan affonda, portando con sé praticamente tutte le 3000 persone a bordo.
- Il Titanic affondò intorno alle 2.20 del mattino del 15 aprile, con 1517 dei 2207 passeggeri.

Qui, si fermerebbe l'articolo alla ricerca di scoop, il sensazionalista, il cospirazionista, con uno stupefacente caso di preveggenza!.

Ma noi siamo scettici, e vogliamo indagare più a fondo. Ed infatti qui cominciano le divergenze fra le due navi che evidenziano un vistoso difetto di selezione negli elementi da considerare.

Il Titan del romanzo utilizza delle vele per aumentare la velocità, come si usava all'epoca della stesura del romanzo. Il Titanic non aveva vele di sorta.

Il Titan è immaginato come una nave unica al mondo, mentre il Titanic era una di una serie di tre navi gemelle.

Il Titan, nel romanzo, stava percorrendo il viaggio di ritorno verso Liverpool della sua terza traversata atlantica, mentre il Titanic si trovava all'andata da Southampton verso New York del suo viaggio inaugurale.

Il Titan urta e affonda un'altra nave, prima di colpire il ghiaccio, mentre il Titanic fu prossimo a un incidente con la New York, ma non la colpì affatto.

Il Titan urta il suo iceberg in mezzo alla nebbia ma rischiarato dalla Luna e non, come il Titanic, in una notte limpida ma senza Luna. Ciò che urta, inoltre, è una banchisa formatasi in seguito al ribaltamento del ghiaccio, sul quale la nave si solleva fino a ricaderle al fianco.

Dei passeggeri del Titan sopravvivono solo 13 persone, mentre ben 705 persone furono salvate dal Titanic.

Il Titan affonda quasi istantaneamente, mentre il Titanic impiega 2 ore e 40 minuti ad affondare.

Ma quanto era difficile immaginare invece di prevedere alcuni di questi elementi, per l'autore del romanzo?

Robertson è figlio d'un capitano e conosce bene le navi e il mondo della navigazione. Vuol scrivere una bella storia, vuol raccontare l'affondamento della più grande nave del mondo e vuole una vicenda avventurosa, nella quale un marinaio coraggioso salva una ragazzina dalla morte certa.

L'Inghilterra era, all'epoca, di gran lunga il maggior paese costruttore di navi transatlantiche. Dunque, nulla di strano nella cantieristica.

Data la sua preparazione, Robertson sarà dunque in grado di inventarsi la misura per la "più grande nave del mondo": oltre 200 metri di lunghezza. Sbaglia un po', in eccesso, col peso, ma il suo scopo è far sensazione, non risparmiare carburante. Inoltre non è un ingegnere.

Come la chiamiamo la più grande nave del mondo?
"Pollicin"? No. Suona male! Guarda caso, poi, qualche anno prima della stesura di "Futility" è affondato un "Titania", in circostanze non molto dissimili.

Scrive Robertson: la nostra nave immaginaria è inaffondabile, dunque, a che servono le scialuppe? Mettiamoci solo il minimo legale. Un po', purtroppo, il ragionamento che fecero alla White Star anni dopo.

L'autore sapeva bene che la rotta battuta dai transatlantici di quegli anni è, in primavera e in particolare nel mese di aprile, resa molto pericolosa dalla presenza degli iceberg al largo della Groenlandia, l'incubo di tutti i naviganti che si trovavano ad affrontare la rotta nordatlantica.

Sa ovviamente che le rotte dei transatlantici vanno dai porti inglesi, Southampton e Liverpool in primo piano, a New York e viceversa.

Inoltre, il titolo originario del romanzo era, nell'edizione del 1898, solo "Futility", cambiato poi in "The Wreck of the Titan, or Futility", a sottolineare il nome della nave, solo nell'edizione del 1912.

Aggiungendo informazioni la questione suona un po' diversa: un eclettico scrittore, un Tom Clancy del XIX secolo (ricordiamo "Debito d'onore", in cui si immagina un attentato compiuto da un pilota kamikaze che schianta il suo 747 sul Campidoglio), che ambienta in modo quanto più realistico possibile le vicende avventurose che vuole narrare.

In altre parole, a volte, semplicemente, la finzione preannuncia la realtà.


Alla prossima!

Pubblicato su Il Novese, numero 14, Giovedì 1 Aprile 2010

PS: Ringrazio B.U. per avemi passato questo articolo
PPS: chiedo scusa del ritardo nella pubblicazione on line....

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...