mercoledì 30 giugno 2010

MEDICINE CONVENZIONALI E NO: CHE DIFFERENZA C’E’?

Il prossimo Giovedì 8 Luglio, alle ore 21.15, presso la Biblioteca Civica di Novi Ligure, conferenza CICAP.

Agopuntura, omeopatia, medicina convenzionale... 
Quali trattamenti sono efficaci? Dove si nascondono eventuali pericoli? Come si sperimenta un farmaco?

Una panoramica che non pretende di essere esaustiva, ma di fornire strumenti di valutazione e spunti di riflessione sulla medicina di oggi.

Relatore sarà la dott.ssa Marta Annunziata, coordinatore del gruppo CICAP Piemonte, la quale svolge il dottorato di ricerca in ambito biomedico presso l'Università di Torino e da alcuni anni si occupa di divulgazione scientifica, interessandosi di comunicazione della scienza e di bioetica.

La serata è aperta al pubblico ed a ingresso gratuito

giovedì 24 giugno 2010

Darwin si – Darwin no.


Si è riaperto (di nuovo...) il dibattito sul darwinismo, con interventi apparsi su Sole 24 Ore (Barbuiani) , Repubblica (Massimo Piattelli Palmarini), il Giornale (Veneziani ed il vicepresidente CNR De Mattei) e Corriere della Sera (Telmo Pievani).
Come al solito, in Italia arriviamo tardi, in questo il dibattito scientifico sul libro di Piattelli Palmarini/Fodor s'è già concluso in America da qualche tempo (il libro è uscito da qualche mese).

La tesi di fondo è sempre quella, e le argomentazioni le possiamo semplificare come segue:
- Darwin ha sbagliato.
- Non è possibile che tutto si sia evoluto per caso.
- Non ci sono prove che l'evoluzione funzioni.
- E' 'solo una teoria'.
- E quindi, ci deve essere un progettista che ha guidato il tutto....

Essendo sempre valido il concetto 'se devo valutare una macchina non vado certo da salumiere', bisogna chiedere lumi a chi di biologia ed evoluzione ne capisce.
Copiando spudoratamente da una discussione sul forum del CICAP, vi porto un esempio, la storia della vespa, che attraverso una puntura mirata, guida "a cavalcioni" l'enorme scarabeo fino alla sua tana, dove potrà deporre le uova nel suo ventre.
E' un esempio davvero incredibile tratto dalla natura, che rende difficile pensare come la natura abbia potuto creare attraverso la sola selezione naturale un comportamento così sofisticato.

Il fatto di non riuscire a capire come si sia evoluto un comportamento biologico non ci autorizza a dire "e' impossibile", ma solo che non lo sappiamo (ce ne sono di cose che non sappiamo...). Si può affermare che si tratta di selezione naturale, caso, necessità, e tanto, tanto, tanto tempo (che oltre a dare immense possibilità, cancella anche passi intermedi che ci permetterebbero di capire).

C'è un simpatico racconto di Danilo Mainardi ne "L'animale irrazionale" che spiega il concetto.
Parla di un insetto, che fa un dono nuziale alla femmina, la quale, indaffarata a aprirlo, di lascia fecondare e non mangia il maschio (cosa che istintivamente farebbe e fa).
Il bello e' che il dono nuziale e' solo un groviglio di ovatta, non c'e' nulla da mangiare... Come mai? Potremmo dire: " e' impossibile con la selezione naturale, c'è un progettista dietro".
Ma ci sono delle forme intermedie, che ci fanno vedere di l’evoluzione logica di questo comportamento. Ci sono altre specie di quell'insetto nelle quali il dono nuziale e' cibo, altre in cui e' cibo rivestito di ovatta per far si' che la femmina sia indaffarata a spacchettarlo, fino ad arrivare al solo "pacco". Diventa quindi evidente 'l'evoluzione' all’opera.

Al riguardo, ritengo molto appropriate le parole di Bea, la mia 'divagatrice' preferita :
Le strutture naturali sono tutte complesse e sofisticate, ma non sono perfette.  Spesso per esigenze di racconto (nei libri di testo, ad esempio) le si fa sembrare ordinate,  togliendo via il superfluo e dando un ruolo a tutte le cose.  Chi non si ricorda della fotosintesi raccontata come un ordinato flusso di eventi e molecoline  che si spostano ordinatamente da un punto all'altro?
Man mano che si va avanti con gli studi però le cose si complicano e il bel mondo ordinato delle medie diventa un caos fatto di strutture ridondanti, elementi di disturbo, catene interrotte, confusione e, nel casino, qualcosa che funziona.


Dal mio punto di vista (di non esperto), tutte le critiche al darwinismo che ho letto 'puzzano'.
Certamente Darwin ha sbagliato in molte cose, ma l'impianto generale, il 'concetto' di evoluzione (corretto, raffinato, evolutosi negli anni) continua ad essere l'unica base comune per tutto lo studio di biologia.
Questo concetto, l'evoluzione, è stato verificato e dimostrato (anche se qualcuno lo nega...) sia in laboratorio che sul campo innumerevoli volte, e le argomentazioni portate dai suoi detrattori 'dimenticano' di portare un'alternativa che spieghi in modo omogeneo e coerente secoli di osservazioni.
Non escludo che un giorno qualcuno sarà in grado di presentare una teoria che rimpiazzerà il 'darwinismo' (inteso come teoria generale dell'evoluzione), ma al momento non vedo nulla in grado di prenderne il posto. Sempre che non si voglia chiamare in causa un 'atto miracoloso', per definizione non spiegabile da noi poveri esseri mortali....

Pubblicato su Il Novese del 24 Giugno 2010

lunedì 21 giugno 2010

Il libro dei Misteri Svelati


Ho il piacere di segnalare la pubblicazione (Castelvecchi Editore) della nuova fatica editoriale dell'amico Silvano Fuso.

Ho avuto appena il tempo di sfogliarlo, ma se il buongiorno si vede dal mattino... la lettura si presenta gustosa ed interessante.

Tempo permettendo, pubblicherò una recensione.... oddio, che parolone... diciamo i miei umili commenti su questo libro.

A presto!

sabato 12 giugno 2010

Che male fa? Uccide....

Volevo scrivere qualcosa io, ma è inutile. Paolo Attivissimo e WeWee hanno già provveduto.
Mi limito a sottoscrivere i loro interventi, aggiungendo il mio disprezzo per tutti i ciarlatani.

Si può morire di antiscienza a 16 anni? Di Paolo Attivissimo.

Clara Palomba. Clara. Palomba. Non dimenticate questo nome. Scanditelo bene. Scanditelo ogni volta che incontrate venditori di acque magiche, terapie miracolose e pastiglie curatutto, veggenti a raggi X e tutti quelli che promuovono questo schifo. Clara. Palomba.

Perché Clara è morta a sedici anni a causa della pseudoscienza e dell'ignoranza dei suoi genitori e degli amici che li hanno consigliati. Clara aveva il diabete. Il diabete, non una malattia esotica. Che si tratta benissimo. È morta perché i suoi genitori hanno sospeso le cure mediche che funzionavano e si sono rivolti a una ciarlatana, Marjorie Randolph, detta Maya. Non si sa bene se fosse una naturopata o omeopata o guaritrice o specialista in antroposofia. Importa poco: sono solo parole pompose per imbellettare una cloaca letale di scemenze.

Anche la Randolph è morta. Soffriva di ulcera gastrica e si è curata con le sue stesse stronzate. L'ulcera perforata che si è provocata l'ha fatta crepare di emorragia. Ben le sta. Spero sia stata una morte lenta e dolorosa. No, non ho pietà per i morti. Sono troppo incazzato e comunque non sono un ipocrita. Una deficiente in meno sulla Terra è sempre una buona cosa. Leggete tutti i dettagli nel blog Medbunker di WeWee, che è medico, e ditemi se non v'incazzate anche voi.

A volte mi chiedono perché mi accanisco contro le pseudoscienze. Perché spendo tempo e soldi a sbugiardare ufologi, astrologi, guaritori, sensitivi e chiaroveggenti. Perché sono così acido e tagliente nei miei giudizi. Mi chiedono "Ma che male fa? Sono credenze innocue...".

No. Non sono innocue. Perché tutto questo clima di rifiuto della scienza, del buon senso, della ragione, per abbracciare fantasie esoteriche gestite da una manica d'incoscienti e pubblicizzate da uno stuolo d'irresponsabili è quello che ha generato due imbecilli come i genitori di Clara e quegli altri imbecilli dei loro amici che hanno dato il consiglio di rivolgersi alla ciarlatana. Il processo a carico dei genitori, Dario Palomba ed Elisabetta Ontanetti, è terminato ieri, a due anni di distanza dalla morte di Clara, con la condanna per omicidio colposo aggravato per entrambi.

A tutti quelli che pubblicano oroscopi, vendono macchinette che producono acqua miracolosa, vanno in TV a parlare di alieni stupratori e di piramidi friulane, rifilano braccialetti per migliorare le prestazioni sportive, propinano pastigliette che contengono il nulla cosmico, diagnosticano le malattie guardando l'aura, a tutti quelli che dicono che la medicina è un grande complotto delle multinazionali e le cure mediche si possono sospendere e sostituire con parole magiche, talismani e pozioncelle, dico solo questo: Clara Palomba.

Voi, tutti voi ciarlatani e seminatori di paccottiglia, avete contribuito a uccidere una ragazzina di sedici anni. Possa il suo nome perseguitarvi per sempre. Io non vi darò il lusso di dimenticarlo.

Pubblicato su Il Novese del 10 Giugno 2010

venerdì 11 giugno 2010

Nasce Query On Line!

 
Si completa oggi la nuova rivista del CICAP: nasce Queryonline.it! 
Dopo l'uscita, un mese fa, del primo numero di "Query", il nuovo periodico del CICAP, prende oggi il via il suo complemento naturale:Queryonline.it. «Poiché la rivista esce ogni tre mesi» dice Beatrice Mautino, curatrice di Queryonline.it, «ci sembrava importante aprire un canale che potesse rappresentare sia un osservatorio aggiornato sulle notizie che da sempre interessano il CICAP, sia un punto di riferimento e ritrovo quotidiano per tutti coloro che seguono l'attività del Comitato e non possono accontentarsi di seguirci solo sulla rivista». 

In questi ultimi anni i blog della famiglia del CICAP e dei suoi molti amici sono diventati sempre più delle vere e proprie fonti di informazione critica sui fenomeni misteriosi e sulle pseudoscienze. L'obiettivo che Queryonline.it si pone è quello di aggregare queste punti di riferimento contribuendo a consolidare una rete che si è formata nel tempo e che si sta allargando sempre più. 

Queryonline.it è strutturata come una webmagazine, con una serie di argomenti principali in evidenza, divisi per rubriche e continuamente aggiornati, e poi spazio a interviste video, alle discussioni con i lettori e ai blog personali dei collaboratori di Query. 

Come per la versione cartacea, dunque, anche Queryonline.it fa divulgazione scientifica con un taglio diverso dal solito: invece di partire dal racconto di ciò che si conosce in un certo ambito scientifico, punta sull'indagine scientifica dei misteri, veri o falsi che siano. 

Veniteci a trovare su www.queryonline.it: vi aspettiamo!

sabato 5 giugno 2010

Non ci vuole molto...


Siamo sempre a sprecare tempo e soldi per futili motivi, e raramente pensiamo a come meglio potremmo usare quelle risorse.

Mi permetto di darvi un consiglio. Milano non è in capo al mondo. In 60 minuti, senza fretta, da Novi possiamo facilmente raggiungere il parcheggio di Famagosta, da dove, con la metropolitana, possiamo raggiungere comodamente diverse mete interessanti.

Dalla stazione Palestro, sulla linea rossa, possiamo accedere ai Giardini Montanelli, con 3 fantastiche attrazioni per la mente di grandi e piccini.
Il primo è il Museo di Storia Naturale, ricolmo degli splendori dei minerali, di fossili, di animali, di diorami. Due piani di meraviglie della natura, che meritano tutte le 2 ore per la visita, ed i 3 euri di ingresso.

Il secondo è il Planetario Hoepli, dove ci possiamo immergere nelle profondità dello spazio comodamente seduti e con l'aria condizionata. L'ora spesa nei misteri dell'universo vale molto più dei 3 miseri euri del biglietto.

Per finire l'Oasi delle farfalle. Una struttura che ci mette a contatto diretto con gli insetti più colorati, e con alcuni artisti del mimetismo.

Se invece scendiamo alla fermata Sant'Ambrogio sulla linea 2, siamo a quattro passi dal museo della Scienza e della Tecnica. Se non ci siete ancora stati, dovete rimediare subito, portandoci i vostri figli. Non ve ne pentirete.

Non manca neppure un acquario, che sarà la mia prossima meta milanese, il più presto possibile.

Vi invito ad andare per musei, non solo a Milano, ed a segnalarmi ogni meta degna di nota. Sono sicuro che non ve ne pentirete!

giovedì 3 giugno 2010

Sarà colpa del vulcano?


Caldo non fa. Sole poco. Quindi deve essere colpa delle ceneri vulcaniche se in questo periodo le notizie strepitose sui giornali e nei TG si sprecano.
Perdoniamo le riviste stile ‘Eva 4000’, che sappiamo avere un senso critico ridotto al lumicino, ma leggere su testate ‘autorevoli’ come Repubblica ‘notizie’ del calibro delle tristi condizioni della Sig.ra Julia Vorobjova, ammettiamolo, mette tristezza….
Julia,  secondo Lombardozzi (autore dell’articolo disponibile on line), è "dotata non si sa come di poteri eccezionali che le consentono di vedere e prevedere le malattie degli altri guardando dentro i loro corpi come fosse una macchina per le radiografie".
Segue lista di personaggi illustri che "di certo" sarebbero stati curati o diagnosticati dalla Vorobjova, tra cui Breznev, Andropov, Eltsin, Gorbaciov, Mitterrand e anche Papa Wojtyla, che "fu monitorato dagli occhi magici di Julia che diede, dicono, preziosi consigli allo staff medico del Vaticano". Oggi la signora ha settant'anni, è malata ed è "povera e sola e nessuno si ricorda di lei". Sta "in una povera stanza di Donetsk, nel grigiore dell'Ucraina povera delle miniere di carbone".
Pittoreschi i dettagli della storia: operatrice di gru nel 1978, si becca una scarica da 380 volt e sembra morta, ma quando il suo corpo viene "offerto dai parenti agli studenti di medicina", che le asportano un alluce, la signora risorge. Da quel giorno "Julia vede all'interno dei corpi" e gli "scienziati sospettosi" che la esaminano sono costretti a ricredersi. La signora va al servizio del KGB in un reparto segretissimo. E ti pareva, se non è la CIA, è il KGB… o magari lo SPECTRE?
Lascio ai miei lettori il piacere di scoprire tutti i dettagli nell’ottimo sito di Paolo Attivissimo, da cui ho ‘rubato’ queste righe. Ma vorrei sottolineare come sia esilarante pensare che qualcuno possa realmente proporre l’idea di una persona con poteri di questo genere.

Prendiamo invece Il Giornale.  Domenica 16 Maggio Lorenzetto pubblica un’intervista a Rinaldo Del Monte, il quale dice di se: ‘ho visto cose che la gente comune non può nemmeno immaginare’.  Per esempio, in una foto del cielo di Nashville ‘previde’ gli attacchi dell’11 Settembre, ed ovviamente questa notizia non potrà non fare piacere ai complottisti (la CIA sapeva degli attentati, li ha informati Rinaldo!).
Il giornalista fa notare che nell’intervista, rilasciata il 7 Aprile, Del Monte parlò di un terremoto che ‘devasterà la Cina’. Ed il caso ha voluto il terremoto del 14 Aprile nel Qinghai. Del Monte ha subito informato il Lorenzetto che ‘ce ne sarà un altro che passerà il valore 10’. Previsione forse azzardata, ma logicamente senza data. Tanto, prima o poi un forte terremoto ci sarà di sicuro, considerando anche che, come afferma Kazem Sediqi, un religioso di Teheran, i terremoti sono causati dalle donne promiscue, e con l’arrivo dell’estate i bikini si sprecheranno.

Tralascio il resto dell’articolo su Del Monte, che può essere letto sul sito de Il Giornale, per passare alla notizia bomba: si può vivere senza mangiare! Lo afferma il solito, classico santone indiano, che da 74 anni vive d’aria. Grasso non è, ma per essere digiuno da oltre mezzo secolo è in forma a dir poco strepitosa! Davvero! Parola di TG5!
Il buon senso dice che notizia eccezionale richiede prove eccezionali. Dove sono queste prove? Ah, lo dice lui…. Oh, ma lo dice anche quel medico indiano che sta esaminando il santone, quello che invita a fissare il sole senza sbattere le palpebre per caricarsi di energia. Come? Fissare il sole è pericoloso, si può restare ciechi? Ma come fa un MEDICO a consigliare certe cose?

Chi ha voglia di dettagli, legga l’analisi del solito Attivissimo.  Le risate sono assicurate.
Certe notizie possono solo fare ridere i polli, e dovrebbero essere relegate alla stampa umoristica.
Il problema nasce quando vengono riprese da quotidiani e TV di importanza nazionale, ed alla fine qualcuno magari le crede possibili…
Raziocinio, se ci sei, batti un colpo….

Pubblicato su Il Novese, Giovedì 3 Giugno 2010

martedì 1 giugno 2010

No Ciarlatani - una proposta di legge


Post modificato dopo la pubblicazione

Ho ricevuto un cortese invito a dare la mia umile opinione su un blog, No Ciarlatani, che vuole elaborare una proposta di legge a favore di un miglior trattamento della scienza e della ragione.

Ritengo l'idea OTTIMA, e spero ardentemente che si riesca ad arrivare ad un documento completo e ben articolato che possa quindi diventare legge dello stato.

Ci sono tante leggi farlocche ed inutili, cerchiano di proporne una seria ed utile!

Invito i miei lettori a diffondere l'esistenza di questo nuovo blog.

A presto


Ciao.


22.40: Riporto uno scambio di corrispondenza avuto con una amica, eliminando i nomi...
In effetti le leggi esistenti sono insufficienti, in questo sono d'accordo con l'autore di quel blog.
A me l'idea di un movimento 'popolare' per definire una legge più 'incisiva' piace, non tanto perchè si riuscirà ad ottenerne l'approvazione (cosa di cui dubito), ma piuttosto per la possibilità di riuscire a coalizzare persone intorno ad una proposta che potrebbe portare, se non non ad una legge, quanto meno ad una migliore definizione di una situazione 'ideale' dove il pensiero scettico-scientifico viene preso nella giusta considerazione.

Nella bozza proposta ci sono diverse frasi 'estremiste', ma l'autore ha l'onestà e l'umiltà di chiedere consiglio alla rete per sviluppare una possibile DDL che sia sensato, corretto e giusto.

Ritengo che l'esperimento meriti attenzione, non è da escludere che possa portare buoni frutti!

A presto

Il giorno 01 giugno 2010 21.09, xxxxxx@xxxxx.com> ha scritto:
Ciao Claudio,
ho letto il tuo post sulla proposta di legge contro la ciarlataneria: ma non esiste già un reato che vieta di sfruttare la credulità popolare?
Eventualmente, anzichè proporne una ex novo, sarebbe più facile modificare quella esistente aggiornandola!
Una nuova proposta di legge suscita sempre diffidenze e rimostranze da parte dei soliti garantisti che sono sempre attenti a garantire  delinquenti di ogni specie anzichè le loro vittime e il percorso per arrivare ad una approvazione ed emanazione potrebbe essere reso molto più arduo da questa paccottiglia di gente, impegnata in primo luogo a tutelare sé stessa e il diritto alla libertà di violare le leggi già vigenti e coloro che hanno trovato mille scappatoie per aggirarle, vanificandone di fatto gli effetti.
Purtroppo la credulità è accentuata da situazioni esistenziali a rischio e da condizioni di vita rese sempre più difficili dall'attuale situazione.
Aumenta il numero delle persone disposte a sacrificare i pochi euro che hanno a disposizione per andare dalla cartomante e sentirsi rincuorare con pietose bugia fatte apposta, nel migliore dei casi, per accendere la speranza, mentre in quelli peggiori vengono truffati e indotti a chiedere prestiti con la prospettiva di riti propiziatori.
Pensiamo davvero che una legge servirebbe allo scopo di mettere al riparo questi sprovveduti dagli impulsi della loro disperazione, che li spingono furiosamente verso un qualunque cappio cui impiccarsi?
Tutto quello che si otterrebbe, secondo me, sarebbe l'incremento di un sottobosco clandestino già esistente, alimentato da passaparola, segreti e confidenze sussurrate tra conoscenti, amici e parenti.
Per quanto riguarda le affermazioni e le teorie bislacche o truffaldine, vedi bene che a tutt'oggi anche i medici radiati dall'albo (e cosa vuoi di più!), trovano credito, seguito e strenue difese anche da parte delle loro stesse vittime.
Se per assurdo si potesse emanare una legge che bandisse l'ignoranza, la disperazione e la solitudine, come per incanto svanirebbero di conseguenza anche i ciarlatani di ogni specie in quanto verrebbe a mancare loro il materiale umano da trattare, imbonire, truffare.
Sono molto perplessa da questa proposta, anche se apprezzo il civilissimo intento di chi sta cercando un modo per porre un freno al sempre più sfacciato dilagare di questa vera e propria piaga sociale.
Ti saluto caramente e ti auguro una buona serata.
xxxx
 

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...