domenica 25 settembre 2011

Bella figura... di palta.

La 'notizia' di questi giorni è la 'violazione' della velocità della luce da parte di alcuni neutrini sparati dal CERN verso i laboratori del Gran Sasso.

Questi risultati, se saranno confermati da altre misure indipendenti, rischiano di causare un bello sconquasso nelle teorie base della fisica. Le discussioni sono aperte, e come sempre accade nel mondo della scienza, a parlare saranno i risultati.



Purtroppo, non sono solo i risultati  a parlare. Anche i politici parlano, e come troppo spesso accade quanto tentano di occuparsi di scienza, dicono fesserie atroci.
Nel caso specifico mi riferisco ad un comunicato stampa del ministero della pubblica istruzione (!!!)  che riporto testualmente:


Dichiarazione del ministro Mariastella Gelmini
"La scoperta del Cern di Ginevra e dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare è un avvenimento scientifico di fondamentale importanza."

Rivolgo il mio plauso e le mie più sentite congratulazioni agli autori di un esperimento storico. Sono profondamente grata a tutti i ricercatori italiani che hanno contribuito a questo evento che cambierà il volto della fisica moderna.
Il superamento della velocità della luce è una vittoria epocale per la ricerca scientifica di tutto il mondo.

Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l'esperimento, l'Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro.

Inoltre, oggi l'Italia sostiene il Cern con assoluta convinzione, con un contributo di oltre 80 milioni di euro l'anno e gli eventi che stiamo vivendo ci confermano che si tratta di una scelta giusta e lungimirante".

 
Ovviamente chiunque abbia un minimo di discernimento si rende immediatamente conto che NON esiste nessun tunnel tra il CERN ed il Gran Sasso, e quindi questo comunicato stampa ha giustamente scatenato l'ilarità se non di tutto il mondo, almeno di buona parte di esso.

Le reazioni sono state tali da richiedere un nuovo comunicato, questa volta dell'ufficio stampa, in data 24 Settembre:

Miur, Polemica ridicola

L’ufficio stampa del Ministero precisa che, ovviamente, il tunnel di cui si parla nel comunicato di ieri, non è per nessuna ragione intendibile come un tunnel che collega materialmente Ginevra con il Gran Sasso. Questo è di facile intuizione per tutti e la polemica è assolutamente strumentale. Il tunnel a cui si fa riferimento è quello nel quale circolano i protoni dalle cui collisioni ha origine il fascio di neutrini che attraversando la terra raggiunge il Gran Sasso. Alla costruzione di questo tunnel e delle infrastrutture collegate l’Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro. Questa polemica è dunque destituita di fondamento ed è assolutamente ridicola.

Siccome si tratta del ministero della pubblica istruzione, si dovrebbe presumere che anche se non addentro ai misteri della scienza, dovrebbero almeno avere qualche infarinatura della lingua italiana.

In qualsiasi maniera la si voglia leggere, la dichiarazione della ministra Gelmini è chiara, ed è stata giustamente indicata come una stupidaggine assurda.

Il tentativo di correzione dell'ufficio stampa rende la fesseria ancora più evidente, in quanto cerca, senza riuscirci, di trasformare un evidente, eclatante, assurdo errore della Gelmini in una polemica pretestuosa.

Sarebbe stato MOLTO meglio ammettere l'errore, ed attribuirlo, chessò, ad una eccessiva semplificazione nella dichiarazione fatta.

Tuttavia, da un ministro della pubblica istruzione e dal suo staff si dovrebbe pretendere una maggiore attenzione al significato delle parole...




. Wikio

2 commenti:

Denis Helicopters ha detto...

Cheffiguradim***a

:D

frankbat ha detto...

"Cheffiguradim***a"
Concordo, ma il brutto e' che ormai certe figure sono diventate la normalita', e non solo per mariastellina!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...