giovedì 12 aprile 2012

Channelers!


Il termine (fortunatamente!) non è molto noto in Italia, ed indica quei particolari ‘medium’ che affermano di essere il canale (channel, da cui il nome) usato da entità di diverso tipo per comunicare con noi: in pratica un ‘channeler’ in trance parla con la voce di un altro essere. 

Per bocca dell’americano Kevin Ryerson parla un certo ‘John’, contemporaneo di Gesù. Tuttavia ‘John’ non è in grado di parlare aramaico (la lingua parlata in Palestina 2000 anni fa), ma parlando nel suo inglese elisabettiano ha confermato alla famosa attrice Shirley MacLaine la sua convinzione di essere una dea.

La Shirley aveva anche una channeler favorita, tale JZKnight, attraverso la quale parla, ovviamente in Inglese, lo spirito di un guerriero Cro-Magnon di 35.000 anni fa, tale Ramtha. La signora Knight incassa fino a 1000 US$ dai suoi patrocinatori per dispensare perle di saggezza del genere: ‘dobbiamo aprire le nostre menti a nuove frontiere’.  Magari senza far cadere il cervello, che ne dite?

Questi spiriti, che siano uomini primitivi, alieni di Sirio o entità di un altro universo, non hanno mai portato informazioni tali da poterci far pensare a qualcosa di reale. Anzi, in questi casi è addirittura difficile pensare alla buona fede di questi medium, l’odore di truffa è molto forte…

Un divertentissimo esperimento al riguardo, splendidamente raccontato da Carl Sagan in un suo libro, fu organizzato dal prestigiatore e scettico americano James Randi. Nel 1988 Randi fu contattato da una TV australiana per trovare un modo per mostrare agli australiani che il channeling è una pratica quantomeno dubbia.

Detto, fatto. Un amico di Randi, un artista dello spettacolo, aveva da tempo in mente di provare un trucco da medium. Randi e Josè Alvarez, questo il nome dell’artista, fecero uno studio sui channeler, sul loro modo di parlare e di atteggiarsi, ed inventarono ‘Carlos’, uno spirito vecchio di 2000 anni che avrebbe parlato per bocca di Alvarez.

I due inventarono finti articoli di giornali americani, finte apparizioni TV e trasmissione radio inesistenti, ed avviarono una massiccia campagna pubblicitaria in Australia per annunciare il tour di ‘Carlos’ nel paese dei canguri, in questo aiutati dalla rete TV che li aveva contattati.

L’arrivo di ‘Carlos’ fu un evento! Egli fece la sua apparizione in uno spettacolo organizzato alla Sydney Opera House, davanti ad un pubblico estasiato. Nessuno aveva messo in dubbio la realtà del personaggio, mentre sarebbe bastata una telefonata negli Stati Uniti per svelare l’inganno…

Una settimana dopo l’evento, durante la quale ‘Carlos’ aveva imperversato raccogliendo sempre più seguito, la trasmissione TV ‘Australian Sixty Minutes’ presentò Randi ed Alvarez, svelando l’imbroglio da loro organizzato e spiegando come era stato organizzato. Ebbene, nonostante la pubblica rivelazione, molte persone continuarono a credere in Carlos e nel suo falso messaggio!

Ma come! Ti ho preso in giro, te lo dico pubblicamente, e tu ancora credi nella balla che ti ho raccontato? Fortunatamente sia Randi che Alvarez non sono persone da sfruttare la credulità del pubblico, ma è stato disarmante vedere con che facilità si possa organizzare una truffa di questo genere.  

Evidentemente questi fenomeni attirano il pubblico e rispondono ad un qualche bisogno profondo, tanto da far rifiutare di accettare perfino la dimostrazione pubblica dell’inganno subito…. E questo permette a tanti truffatori di fare soldi facili, spesso con la complicità delle loro vittime.

Possibile che tutti questi medium siano truffatori? Magari non sono tutti imbroglioni, ma io non ho ancora sentito un caso che abbia anche solo la parvenza dell’autenticità.

Alla prossima!

Da  Il Novese, numero 14, Giovedì 12 Aprile 2012

. Wikio

1 commento:

Mauro ha detto...

> Magari senza far cadere il
> cervello, che ne dite?

Claudio, scusa, ma come fa a cadere ciò che non c'è?

Oppure cominci anche tu a credere a fenomenemi paranormali, tipo le creazione dal nulla di un cervello per poi poterlo far cadere? ;-)

Saluti,

Mauro.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...