mercoledì 8 aprile 2015

Commenti...

Mi dispiace per la postilla al mio post precedente, pubblicato su Alessandria News. L'inizio era corretto: Le ricerche scientifiche condotte negli anni più recenti confermano l'inconsistenza della relazione tra vaccino MPR ed autismo. Purtroppo poi procede insinuando il dubbio che qualche collegamento ci possa essere...

A chi legge, sopratutto a causa del diffuso allarmismo, rimane impressa l'idea che i vaccini 'possano contribuire' all'autismo. E visti i problemi che la sanità mondiale già sta affrontando per la IMMOTIVATA paura dei vaccini (senza parlare dei morti), ogni virgola che possa alimentare questa paura è secondo me inappropriata.

Nella scienza NON si può 'negare' un'affermazione, ma solo CONFERMARE un'ipotesi (vedasi Popper ed i diversi filosofi della scienza), quindi si può sempre dire che TUTTO 'può contribuire'. Quindi anche il latte materno, le noccioline, il bagnetto e l'aria di montagna possono contribuire' all'insorgenza dell'autismo, e queste ipotesi hanno la stessa validità dei vaccini.

Inoltre non è corretto dire che la 'questione sarà comunque risolta in breve tempo', in quanto nessuno può dire quando (e se) la ricerca sarà in grado di dare una risposta definitiva alla questione.

Al riguardo, gli studi sembrano sempre più puntare su problemi genetici, con diagnosi di autismo anche prenatale, ed assolutamente scollegata da qualsiasi trattamento medico possa essere effettuato sul bambino (pre o post parto). Un articolo interessante è questo: https://health.ucsd.edu/news/2011/Pages/11-08-autism-neurons.aspx?hc_location=ufi

Un esempio: Il Giappone ha tolto l’obbligo di vaccinazione per rosolia e morbillo nel 1994, e per questo è l’unico paese economicamente sviluppato con ricorrenti epidemie di morbillo.
L’unico risvolto positivo, in termini di indagine scientifica, è che la mancanza di una trivalente in Giappone ha permesso di valutare l’incidenza dei casi di autismo in un paese sviluppato. Da quando il vaccino MPR è stato ritirato nel paese, il numero di casi di autismo è continuato a crescere in modo comparabile con quello dei paesi in cui si utilizza ancora la trivalente. È una  delle dimostrazioni sulla mancanza di un legame diretto tra la malattia e le vaccinazioni.

Alla prossima

Quando le bufole uccidono...

Ci sono bufole simpatiche, ci sono quelle che ti alleggeriscono il portafoglio, e ci sono quelle mortali. Mentre è molto facile mettere in giro una fesseria, confutarla è praticamente impossibile. C’è sempre qualcuno che non crede alle evidenze e preferisce il complotto, oppure semplicemente trova in rete una “notizia” e la rigira, senza sprecare un nanosecondo per verificarla. E le false prove si accumulano, confermate dal “è successo a mio cuggino”, rendendo la stupidaggine praticamente immortale…

Quando le stupidaggini arrivano in campo medico, la morte è dietro l’angolo. Non è una esagerazione, purtroppo. Ci sono dei dati drammatici legati alla bufola, anzi TRUFFA, dei vaccini che causano l’autismo.
Sì, ho detto TRUFFA: la correlazione tra vaccino trivalente ed autismo risale ad uno studio FALSO del medico (radiato e condannato) inglese Andrew Wakefield, che nel 1998 ha truccato gli studi per i suoi interessi economici causando l'insorgere della fobia sulle vaccinazioni.

Alla fine dell’articolo troverete diversi link con tutti i dettagli. C’è molto da leggere, ma vi posso fare un riassunto (raccomandando però di leggere i dettagli).

Iniziamo col dire che le vaccinazioni, come tutti gli atti medici, NON sono esenti da rischi. Ci possono essere reazioni di diverso tipo, possono non garantire una protezione totale, possono essere sconsigliate in alcune situazioni. Queste reazioni sono costantemente monitorate dalle autorità sanitarie, ma sono una minuscola frazione dei rischi legati al NON vaccinarsi.

Possiamo invece dire che i vaccini NON provocano l’autismo. Esiste solo una relazione casuale tra età a cui si iniziano le vaccinazioni e l’età a cui si iniziano a riconoscere i sintomi dell’autismo. NON ESISTONO differenze nella percentuali di bambini autistici tra quelli vaccinati e quelli NON vaccinati.

Sappiamo invece per certo che i vaccini SALVANO MILIONI DI VITE. Secondo l’UNICEF, prima delle vaccinazioni, il solo morbillo era causa di 2 MILIONI di morti all’anno. Negli ultimi 3 – 4 anni, in seguito alle mancate vaccinazioni, ci sono state divere epidemie di morbillo con alcune centinaia di morti. Per contro, nello stesso periodo non mi risultano reazione mortali tra i milioni di bambini vaccinati.

E poi ci sono pertosse, meningite, poliomielite, varicella, influenza (8000 morti in Italia lo scorso anno) tutte malattie potenzialmente mortali, con rischio di effetti PERMANENTI molto superiori al rischio da vaccino.

Non mettete a rischio la vita e la salute vostra e dei vostri figli. Vaccinatevi.


Alla prossima


http://www.alessandrianews.it/opinioni/quando-bufole-uccidono-106845.html

http://medbunker.blogspot.it/2009/11/vaccini-introduzione-i-parte.html
http://medbunker.blogspot.it/2009/11/vaccini-wakefield-vaccini-autismo-e.html
http://medbunker.blogspot.it/2009/11/vaccini-innocui-o-velenosi-iii-parte.html
http://www.levaccinazioni.it/informagente/domande/generale.asp#efficacia
http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/medicina/2015/03/02/morbillo-nel-2013-ha-ucciso-piu-bimbi-di-hiv-e-incidenti_88dff679-d714-4721-9da1-848d222a27f2.html
http://www.wired.it/attualita/2015/03/02/prova-vaccini/
http://www.giornalettismo.com/archives/1190709/lepidemia-mortale-di-morbillo-scatenata-dalla-disinformazione-sui-vaccini/
http://video.repubblica.it/cronaca/vaccini-garattini-non-c-e-nesso-con-l-autismo/160158/158648
http://www.unicef.org/immunization/index_measles.html
http://it.blastingnews.com/salute/2014/11/influenza-2014-2015-8mila-morti-l-anno-scorso-arrivano-i-vaccini-ecco-sintomi-e-cure-00166511.html

PS: i responsabili di Alessandria News hanno aggiunto una postilla, che mi riservo di commentare in seguito.
Le ricerche scientifiche condotte negli anni più recenti confermano l'inconsistenza della relazione tra vaccino MPR ed autismo, mettendo in luce la possibile associazione con altri fattori, come presenza di un processo autoimmunitario, iperattivazione dei mastociti a livello ipotalamico, utilizzo del paracetamolo in bambini geneticamente predisposti. Insomma: i vaccini non sono la causa diretta dell’autismo. Ciò è da escludere.
Ma non è possibile escludere che essi – o uno di essi, o altri farmaci somministrati alla gestante e al bambino nel primo anno di vita – possano contribuire a rafforzare le cause dell’autismo, che sono di origine prevalentemente genetica. Questa questione sarà comunque risolta in breve tempo. Ricercatori hanno scoperto che è possibile rintracciare elementi di sofferenza relativi all’autismo fin dalla nascita, mediante un esame dei globuli bianchi presenti nel sangue dei neonati.

sabato 4 aprile 2015

Problemi per la scuola di Sahaja Yoga a Cabella

I miei tre lettori ricorderanno la cosiddetta 'Santona di Cabella', morta nel Febbraio 2011.

La Repubblica ha riportato di un 'blitz' ordinato dalla procura di Torino per le mancanze della scuola del movimento a Cabella.

Ovviamente sarà la magistratura a fare le opportune valutazioni, nel mio piccolo ricordo di aver avuto una classe di questa scuola alle piccolo dimostrazioni di 'Magie della Scienza' che da qualche anno faccio nell'ambito degli 'Impianti Aperti' di ACOS.

Era una classe come tutte le altre, tanti bambini pieni di curiosità. Spero che se quello che dice l'articolo è vero, i ragazzi non abbiano sofferto troppo...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...