giovedì 7 luglio 2016

Attenzione allo SPAM!

Come ho già scritto in altri post, la posta elettronica è un veicolo potente e rapido, ma anche pericoloso se usata senza le dovute precauzioni.

Purtroppo ci sono delinquenti che, con vari trucchi (l'eredità, la foto della ragazza, i soldi rimasti in deposito) cercano di carpire le nostre informazioni, e nel caso si caschi nella trappola, per disattenzione o per scarsa conoscenza dei sistemi informatici, le conseguenze possono essere dolorose.

Questo è un esempio di email truffa che fa leva sulla paura di avere il proprio conto (carta di credito, banca, posta o altro) attaccato da qualcuno.

Fortunatamente molti sistemi di posta includono un controllo che permette di identificare le mail truffa, e con l'uso di un buon antivirus aggiornato i rischi possono essere tenuti sotto controllo.

Io leggo quasi sempre le email dal sito web di Outlook, e questo, oltre ad cestinare molte email SPAM automaticamente, blocca anche quelle che lo potrebbero essere, e permette di vedere alcune informazioni chiave per capire se l'email è autentica oppure un tentativo di truffa.

Questo esempio è da una email ricevuta via Outlook, ma altri sistemi di posta (Gmail, Libero, Yahoo solo per fare qualche esempio) hanno opzioni simili.

Per prima cosa Outlook.com blocca i messaggi che possono essere SPAM. In questo caso io lo ho 'semi' sbloccato per vedere qualche informazione in più e scrivere questo post. Se il vostro sistema di posta vi mette un messaggio nella cartella SPAM, oppure lo blocca, oppure aggiunge 'SPAM' al titolo, considerate seriamente l'ipotesi che il sistema abbia ragione, quindi trattate il messaggio con molta cautela.

Un indirizzo email può essere 'nudo', oppure avere un nome associato. Molti sistemi di posta mostrano (o possono mostrare) nome ed indirizzo. Outlook.com lo fa in automatico per tutti gli indirizzi che non sono già conosciuti al ricevente, o quando ci sono discrepanze tra nome ed indirizzo.
In questo caso la mail si 'presenta' come CartaSI Italia, mentre l'indirizzo è di un certo Andrew di Fatguys.ca... Già questo basterebbe per cestinarla.

Seconda cosa, NESSUNA carta di credito o banca vi mette un link da cliccare per accedere ai vostri dati. Vi dicono semmai di collegarvi. Molti sistemi, inoltre, permettono di verificare il link prima di cliccarci sopra. Per esempio, in Outlook.com basta passare il mouse su un link (dopo aver sbloccato la mail se bloccata) per vedere a che indirizzo porterebbe. Se un link di una mail che pretende di essere della vostra banca punta ad un indirizzo che non c'entra niente... truffa!

Questo è un esempio di link VALIDO. La mail era una notifica dal blog 'Allegra Bottega'
Terza cosa, nel caso specifico perché devo fare un 'aggiornamento di sicurezza' per 'verificare la mia identità'? La richiesta puzza, e molto...

E per finire, spesso questi messaggi truffa sono sgrammaticati. Questo è abbastanza corretto, ma 'l'integrità della clienti' lo smaschera...

Come sempre, basta un minimo di attenzione e le truffe si possono evitare... almeno la maggior parte!



Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...