martedì 24 gennaio 2017

Van Allen e la conquista della Luna

Parlando con un amico ho scoperto che è convinto che la NASA non è mai andata sulla Luna, e tra gli argomenti ha affermato che gli astronauti sarebbero morti attraversando le fasce di Van Allen.

A parte che si, ci siamo andati sulla Luna, abbiamo tonnellate di dati al riguardo, sul tema 'fasce' lo stesso scopritore, il prof. James Van Allen, commentando un documentario della Fox che sosteneva le tesi complottiste, ebbe a dire:
"The recent Fox TV show, which I saw, is an ingenious and entertaining assemblage of nonsense. The claim that radiation exposure during the Apollo missions would have been fatal to the astronauts is only one example of such nonsense"...
Ovvero:
"Il recente spettacolo televisivo di Fox TV, che ho visto, è un ingegnoso e divertente assemblaggio di assurdità. L'affermazione che l'esposizione durante le missioni Apollo sarebbe stata fatale agli astronauti è un esempio di queste assurdità..."

Per chi volesse approfondire questo tema, suggerisco l'articolo La storia infinita delle fasce di Van Allen, dal sito 'Siamo Andati Sulla Luna'.

Buona lettura!


mercoledì 11 gennaio 2017

"La razionale alcoolica" … bioetica e salute!

Arriva a Novi Ligure "La razionale alcoolica", versione italiana degli "Skeptics in the pub": una
serata per discutere insieme di scienza e misteri, con l'aiuto della razionalità e della birra.

Il primo incontro (clicca qui per l'evento su Facebook) si svolgerà giovedì 19 gennaio 2017 alle 21 presso il Dorian Gray Ristorante Letterario in Via Roma 51 a Novi Ligure, sul tema:

Ci sono diversi casi di cronaca che raccontano problemi di salute affrontati con metodi alternativi e risultati anche drammatici.

Il rapporto tra scienza medica e scelte personali è complesso, e richiede da un lato conoscenza dell’argomento e dall’altro il rispetto della libertà della persona, senza dimenticare il bene della collettività. Un incontro che vuole confrontare le esigenze della scienza con quelle personali: parleremo di bioetica.

Esperto della serata sarà Giacomo Orlando. Laureato in medicina, ha svolto per 40 anni l'attività di anestesista /rianimatore, prima di andare in pensione. Ha all'attivo un'esperienza politica come consigliere comunale a Novi Ligure. Nel 2010 è co-fondatore della sezione di Novi Ligure della Consulta di Bioetica ONLUS (http://www.consultadibioetica.org), con cui si è attivato per divulgare informazioni sui principali temi di bioetica (in particolare testamento biologico, obiezione di coscienza, gravidanza medicalmente assistita) presso le scuole superiori e le comunità municipali vicine a Novi Ligure. Si è anche attivato con una richiesta al Comune di Novi Ligure per ottenere il permesso del deposito delle direttive di fine vita presso i gli uffici comunali.

L'evento è gratuito, ma è richiesta una consumazione.

Per maggiori informazioni consultare la pagina Facebook o scrivere a piemonte@cicap.org.

La razionale alcoolica: una volta al mese ci si ritrova attorno a un tavolo e si discute il tema del giorno. Un "esperto" lo presenta in pochi minuti per inquadrare l'argomento, poi ognuno dice la sua e se ne parla. ...Perché anche parlare di scienza può essere un divertimento!

domenica 8 gennaio 2017

Libertà di cura, tra scienza ed etica

2008, Clara Palomba (1), sedicenne toscana, muore per un diabete NON curato da una sedicente guaritrice ‘antropofisica’, da cui era stata portata dai genitori che non si fidavano delle cure ‘ufficiali’ a base di insulina, che tengono in vita senza problemi decine di migliaia di persone in tutto il mondo.

2011, Luca (2), un bambino di 4 anni del Salento, arriva all’ospedale senza vita dopo essere stato NON curato con preparati omeopatici. Molto probabilmente, se fosse stato curato con delle vere medicine, oggi sarebbe un vispo ragazzino di 9 anni.

2015, una bambina romana (3) di 4 anni, non vaccinata, muore a causa delle complicanze del morbillo, una delle malattie (4) che ancora oggi mietono più vittime (5).

2016, Eleonora Bottaro (6), padovana 18enne, muore di leucemia, dopo essere stata NON curata con i ‘metodi alternativi’ di Hamer (7). Con le cure oggi disponibili, avrebbe avuto oltre l’80% di possibilità di guarire.

Questi sono solo alcuni dei tanti, troppi casi di morti causati dal rifiuto di affidarsi alle conquiste della moderna medicina. Si, è vero, anche chi si affida alla medicina vera può morire, ci sono complicanze che possono portare a vari gradi di invalidità, ma sono fortunatamente pochi casi rispetto a quanti sono invece guariti. Non che i (pochi) casi di errori medici o di complicanze inaspettate non siano importanti o drammatici, bisogna però rapportarli a quanti casi sono stati trattati con successo.

Dall’altra parte, chi si affida alle varie ‘alternative’, dall’omeopatia alla medicina hameriana, quando si trova davanti a qualcosa che non può guarire da solo, come un raffreddore, di solito MUORE. E spesso soffrendo.

La medicina moderna ha una serie di protocolli e controlli strettissimi. Un nuovo farmaco, una nuova terapia, deve passare varie fasi di sperimentazione, e DEVE dimostrare di funzionare MEGLIO del placebo e deve offrire vantaggi terapeutici verificabili rispetto ai medicinali esistenti. Può anche essere un’idea nuova, apparentemente strampalata, ma SE FUNZIONA, se non ha controindicazioni, viene adottata.

Le ‘alternative’ non hanno riscontri verificati. Si basano su leggende, su tradizioni, su credenze strampalate, e quando vengono messe alla prova FALLISCONO. Sempre.

I dati sanitari sono disponibili e chiarissimi. Ci sono cose che funzionano (e quindi fanno parte della scienza medica) e cose che non funzionano. Eppure, da diversi anni aumenta il ricorso a queste terapie senza valore scientifico, ed aumenta il numero di genitori che non vogliono vaccinare i loro figli. False notizie che circolano in rete diffondono paure infondate nei riguardi della medicina, e favoriscono il proliferare di guru e santoni vari.


Tuttavia esiste un problema etico. Esiste il libero arbitrio, e se il signor Tizio, in possesso delle sue facoltà e correttamente informato, decide (esempio inventato) che un cristallo di agata posato sul comodino è la terapia che vuole seguire per guarire la sua polmonite, non posso imporgli la cura antibiotica che in pochi giorni lo guarirebbe. Oppure posso? Dopotutto, se non lo faccio, molto probabilmente il sig. Tizio morirà!

Dove finisce la libertà di scelta? È morale imporre a qualcuno una cura che non vuole, anche se è l’unica maniera per salvargli la vita? E che fare quando il malato è un minore?

Sono domande alle quali spero di trovare risposte il prossimo giovedì 19 gennaio, alle 21, quando al Dorian Gray Ristorante Letterario (via Roma 51, Novi Ligure) si svolgerà la prima ‘Razionale Alcoolica’ (9) a Novi Ligure, con ospite il dott. Giacomo Orlando, vicepresidente della Consulta di Bioetica ONLUS (10).

Se siete interessati alla serata, contattatemi all’indirizzo claudio@casonato.it, oppure seguite questo blog - a giorni pubblicherò i dettagli...

Alla prossima!

  1. http://medbunker.blogspot.it/2010/05/che-male-vuoi-che-faccia3.html
  2. http://bari.repubblica.it/cronaca/2011/10/21/news/muore_a_4_anni_dopo_un_bicchiere_d_acqua-23609530/
  3. http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/544316/morbillo-vaccino-bimba-morta-roma
  4. http://medbunker.blogspot.it/2013/04/la-piccola-malattia-il-morbillo.html
  5. https://www.unicef.it/tag/morbillo
  6. http://www.repubblica.it/cronaca/2016/08/31/news/padova_famiglia_rifiuto_chemio_studentessa_morta_leucemia-146963943/
  7. http://medbunker.blogspot.it/2009/04/hamer-la-nuova-medicina-germanica.html
  8. https://www.facebook.com/doriangrayristoranteletterario
  9. https://www.cicap.org/n/articolo.php?id=278124
  10. http://www.consultadibioetica.org/

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...