domenica 27 gennaio 2019

Pseudoscienza istituzionale

Recentemente ho avuto modo di esprimere il mio personale disappunto per l'utilizzo di risorse pubbliche per la diffusione di pratiche senza basi scientifiche.

Ovviamente sono stato accusato di chiusura mentale, di ignoranza, addirittura di voler fare battaglie politiche…

Io in questo blog non parlo di politica, a meno che la politica non (stra)parli di scienza. Nel mio piccolo, al limite, supporto la campagna del 'Patto per la scienza', convinto come sono che la scienza sia al di sopra di qualsiasi parte politica, e che non si decide la velocità della luce per alzata di mano.

Non mi disturba affatto che privati cittadini in situazioni pubbliche da loro organizzate senza contributi della collettività possano incontrarsi e parlare di qualsiasi cosa che solletichi la loro fantasia.

Continuo però ad avere delle forti perplessità quando un ente pubblico, un comune, attraverso un centro di cultura emanazione diretta della biblioteca civica, organizza e pubblicizza, con i suoi loghi istituzionali, un incontro per parlare di argomenti privi di fondamento scientifico. 

Il caso specifico è il prossimo incontro del 'Progetto Benessere', portato avanti dalla Biblioteca di Novi Ligure, che già in passato ha portato alla ribalta argomenti di altissimo livello scientifico, quali i fiori di Bach o la medicina quantistica.

A breve, il prossimo 31 gennaio, l'argomento saranno gli olii essenziali e l'aromaterapia.


Non metto in dubbio che gli olii essenziali abbiano un buon profumo, e che circondarsi di buoni profumi sia meglio che vivere nella puzza.

Trovo invece vagamente eccessivo e non dimostrato quanto scritto nella email di presentazione dell'incontro:

Gli Oli Essenziali agiscono, oltre che sul piano fisico, anche a livello sottile, nella sfera spirituale ed energetica.
Stimolano i ricordi, la memoria, le emozioni e le sensazioni.
Riequilibrano le energie vitali, agiscono come scudi emozionali, rimuovono traumi e aiutano a trovare il centro di se stessi.
In questo ambito particolare parleremo di Aromaterapia per l'anima!

L'uso 'allegro' dei termini 'energetici' è tipico delle pseudoscienze, e mi dispiace che l'incontro sia fatto in un orario non compatibile con i miei impegni lavorativi. Avrei veramente voluto partecipare per sentire come i relatori riescano a definire il 'livello sottile' o spiegare cosa sono le 'energie vitali', miracolosamente riequilibrabili con un po' di rosmarino, limone e menta piperita.

Buon profumo a tutti!


Il giorno della memoria

Oggi è il 27 gennaio, il Giorno della Memoria. In questo giorno del 1945 l'Armata Rossa liberò il campo di concentramento di Auschwitz.
Nel novembre del 2005 l'ONU decise di celebrare, ogni 27 gennaio, L'olocausto, o più correttamente Shoah.
La Shoah è una delle pagine più terribili della storia umana, non solo per lo spaventoso numero di morti - uomini, donne, bambini - ma anche per la meticolosa organizzazione,  sistematica, scientifica, metodica, portata avanti con l'unico scopo di sterminare le 'razze inferiori', soprattutto gli ebrei, ma anche ROM, slavi, omosessuali.
Spesso queste persone, prima di essere 'gasate' o uccise in altri modi, venivano sfruttate fino allo stremo delle loro forze per lavorare allo sforzo bellico nazista.
I numeri, riportati nella tabella presa di Wikipedia che trovate in fondo, sono agghiaccianti.
Purtroppo non sono le uniche atrocità commesse dall'uomo. Guerre piccole e grandi costellano la storia umana, con tragedie che, magari con numeri assoluti più piccoli, hanno quasi cancellato stati, etnie, minoranze varie.
Nel 1200, le conquiste di Gengis Khan portarono a 40 milioni di morti, numero paragonabile a quelli della Rivoluzione Culturale nella Cina di Mao Tze Dong. Nel 1994, in pochi mesi, in Ruanda gli Hutu sterminarono, spesso a colpi di machete, almeno 500.000, forse un milione, di Tutsi.
La capacità degli esseri umani di trovare modi e motivi per uccidere altri esseri umani mi ha sempre inorridito, e purtroppo pare non esaurirsi mai.
Confortano però le storie di chi si oppone alla violenza, all'orrore. Ed essendo oggi il Giorno Della Memoria voglio ricordare cinque persone tra le tante (ma sempre troppo poche) che hanno fatto qualcosa per combattere l'odio nazista e salvato vite.
Leggete le loro storie, e ricordate che siamo tutti esseri umani.
Carlo Angela, medico e padre di Piero.
In memoria dei 17 milioni di vittime dell'olocausto, e delle innumerevoli vittime dell'odio e della violenza che insanguinano la storia dell'uomo.

Il numero esatto di persone uccise dal regime nazista è ancora soggetto a ulteriori ricerche.
Categoria Numero di vittime Fonte del dato
Ebrei 5,9 milioni [203][204]
Prigionieri di guerra sovietici 2–3 milioni [205]
Polacchi non Ebrei 1,8–2 milioni [206]
Rom e Sinti 220.000-500.000 [207]
Disabili e Pentecostali 200.000–250.000 [208]
Massoni 80.000–200.000 [209]
Omosessuali 5.000–15.000 [210]
Testimoni di Geova 2.500–5.000 [211]
Dissidenti politici 1-1,5 milioni [senza fonte]
Slavi 1-2,5 milioni [203][212][213][214]
Totale 12,25 - 17,37 milioni

Immagine tratta da Wikipedia

martedì 1 gennaio 2019

Le stelle? Sbagliano come sempre...

Clicca qui per l'articolo del sito CICAP

Anche quest'anno il CICAP ha pubblicato i risultati del controllo delle previsioni astrologiche del 2018, e come ci si poteva aspettare i risultati sono 'deludenti'.

Nonostante sia da lungo tempo ampiamente dimostrato che gli astrologi non ci prendono neanche per sbaglio, le trasmissioni televisive e radiofoniche di fine anno sono state come al solito monopolizzate da branchi di volpi impegnatissimi a spiegare come sarà il 2019 di chi per casualità è nato mentre il sole passava in un disegno fatto unendo i puntini delle stelle visibili…

Evidentemente il pubblico apprezza di più le panzane delle tante cose interessanti che accadono davvero.

Ma io continuo a sperare, ingenuo che sono, che prima o poi certe cose finiranno.

Vi auguro un 2019 meglio informato, più concreto, più intelligente. E meno oroscopato...