Translate

martedì 31 agosto 2021

Le basi per un discorso scientifico.

 Visto il clima arroventato da no-si-boh vax, torno dopo tempo su questo blog per cercare di fissare le basi per un confronto basato sui dati scientifici.

Per prima cosa, non è vero che tutti siamo in grado di vedere i numeri e capire quello che vogliono dire. Anzi, come ho scritto tempo fa, non è vero che 'basta guardare'.

Intanto bisogna essere sicuri che i numeri siano corretti e completi. Un titolo di un giornale o uno screenshot di un social NON sono la verità, a meno che non siano supportati da FONTI AFFIDABILI.

Ecco, le fonti... un articolo di meteoweb, un post di Facebook, un video su youtube di per se NON SONO FONTI. Possono essere un riassunto, una semplificazione, una spiegazione per i non addetti ai lavori fatta da persone che potrebbero anche avere frainteso o addirittura falsificato i dati.

La FONTE è uno studio scientifico, ovvero un qualcosa che deve rispettare delle precise indicazioni: deve mettere tutti i dati a disposizione, deve indicare le condizioni di prova, deve indicare le dimensioni del campione, presentare eventuali conflitti di interesse, dire chi ha finanziato lo studio, mettere i riferimenti a eventuali altri studi citati eccetera. 

Questo articolo, prima di essere pubblicato su una rivista, viene sottoposto a PEER REVIEW, ovvero viene letto da altri esperti del settore per verificare che non ci siano errori di fondo, per esempio nei calcoli statistici o nelle fonti citate. Ovviamente parlo di riviste serie, perché ci sono anche quelle che pubblicano qualsiasi cosa, basta pagare.

Le stesse riviste non sono tutte uguali, anche tra quelle peer reviewed. Una pubblicazione su NATURE o THE LANCET ha un peso (impact factor) diverso da un eventuale studio referato pubblicato da Eva 3000.

Quindi, nel momento in cui si vuole fare una discussione in ambito scientifico, bisogna essere in grado di IDENTIFICARE le fonti delle informazioni, ed è buona educazione mettere i link alle fonti a cui si fa riferimento. Non basta riferire 'io ho letto che', perché quello che hai letto può essere sbagliato, oppure puoi aver capito fischi per fiaschi. 

Non serve a nulla neppure affermare 'lo ha detto Tizio', perché il principio di autorità non vale (quasi) niente. Di 'quasi' perché se un ingegnere strutturale mi dice che i calcoli di quel trave sono corretti, tendo a credere alla sua parola - è il suo mestiere, non il mio. Ma l'ingegnere strutturale deve essere in grado in qualsiasi momento di dimostrare che i suoi calcoli sono corretti, anche se fosse il premio Nobel degli ingegneri strutturali!

Riguardo le ricerche mediche, e quindi anche i vaccini, non tutti sanno che è estremamente facile trovare gli studi al riguardo. Che poi si sia in grado di leggerli e capirli... è un altro discorso.

La quantità di informazioni sul SARS-COV-2 e sul COVID-19 è impressionante. Basta guardare questo link di Pubmed: SARS-CoV-2 Resources - NCBI (nih.gov) 

A questo punto, invito i dubbiosi, quelli che 'io non credo che', quanti 'eh, ma non ci sono dati' a farsi un giro a leggere il materiale pubblicato. Ci risentiamo tra qualche anno.

Vi ricordo che tutti noi, in campo scientifico, NON abbiamo diritto alla nostra opinione. Abbiamo diritto solo a quello che possiamo provare.

Immagine rubata a Query On Line: Il metodo scientifico di Tupinamba! – SPECIAL – Query Online


Nessun commento:

Cookies Google Analitycs

Questo blog usa i cookie standard di Google per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il traffico. Questi cookie vengono usati da Google per fornire informazioni sul modo in cui utilizzi questo blog alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media partner di Google. Io personalmente utilizzo esclusivamente i rapporti standard di Google per il conteggio delle visite al blog, e NON utilizzo Google AdSense. Visualizza dettagli